ASCOLI PICENO – «L’appuntamento elettorale del 21 e 22 di giugno è molto di più di un ballottaggio per l’elezione del presidente della nuova Provincia di Ascoli, è la prova generale di responsabilità che un intero territorio è chiamato a dare di fronte a una fase particolarmente delicata per il futuro di questo territorio».
Questo è quanto dichiara Andrea Cardilli, coordinatore provinciale dell’Italia dei Valori, partito che all’interno della coalizione che appoggia Emidio Mandozzi ha avuto un ottimo risultato elettorale. Nel collegio di Cardilli (Colli, Castorano e Appignano) ha raggiunto l’11%.
«Il sostegno a Mandozzi in contrapposizione a Celani si basa su una condivisione critica e propositiva di un programma che non voglio definire elettorale – prosegue Cardilli – perché mi sembrerebbe riduttivo e strumentale. Si tratta infatti di un indirizzo serio di governo, che ci potrà permettere, se eletti, di essere quanto più velocemente possibile efficaci e attivi nell’azione amministrativa sulla base di risposte concrete alle più urgenti priorità di questo nostro territorio, cioè l’occupazione, il futuro dei giovani, i servizi per le fasce più deboli quali gli anziani e i bambini e il potenziamento delle attività produttive locali».
Cardilli si rivolge dunque agli elettori per realizzare questi obiettivi, rivolgendosi anche a coloro, in particolare fra l’elettorato di Massimo Rossi, ha tentazioni di astensionismo: «L’invito rivolto ai cittadini è innanzitutto quello di evitare l’astensionismo e di recarsi alle urne per effettuare una scelta da cui dipenderà veramente il futuro del Piceno.
Non mi rivolgo solo ai tantissimi elettori del mio partito che lo hanno sostenuto con risultati eloquenti a livello locale ed europeo, ma a tutte le persone di coscienza».
«In questi giorni da altre posizioni politiche sono partiti appelli a fare “scelte di coscienza” di fronte a questo appuntamento. Mi appello allora a tutte le coscienze libere e responsabili per fare un fronte comune contro una destra filo berlusconiana che a livello locale ha dato prova di una pochezza di capacità, di una miopia di obiettivi e che si è pienamente espressa nella fallimentare esperienza amministrativa di Celani nel Comune di Ascoli. L’Italia dei Valori sente forte la responsabilità dei consensi e della fiducia ricevuta e si adopererà, in questi giorni, affinché tutti quelli che si riconoscono nel centro-sinistra ritrovino coesione in questa nostra proposta amministrativa».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 638 volte, 1 oggi)