SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Torna “Scultura Viva” e festeggia il raggiungimento e superamento delle cento opere. Il simposio internazionale, inaugurato nel 1996 e giunto quest’anno alla tredicesima edizione, si terrà come di consueto nella location del Molo Sud dal 20 al 27 giugno.

«Un’iniziativa importante e consolidata», come ha sottolineato l’assessore alla Cultura Margherita Sorge e che oramai «è divenuta parte integrante della città». «Città che – continua la Sorge – per merito dell’amministrazione comunale, continua a puntare sull’evento con un finanziamento di circa 20 mila euro, nonostante il momento di profonda crisi».

Alla manifestazione parteciperanno apprezzati scultori internazionali, tra cui Emil Adamec di Hong Kong, che proporrà un lavoro costituito da ben sei blocchi di travertino e denominata “Six Dragons”. Verrà inoltre dato spazio a Francesco De Angelis e Francesca Bianconi, rispettivamente della sezione “artista locale” e “artista giovane”. Quest’ultima sarà perdipiù “protetta” da Giuseppe Straccia, già protagonista delle passate edizioni ed oggi nelle vesti di mentore e punto di riferimento per le nuove leve.

Ottimista e soddisfatto il direttore artistico di “Scultura Viva” Piernicola Cocchiaro: «Quando partimmo tredici anni fa, non pensavo saremmo arrivato a 100 e oltre rilievi. Dimostrazione di quanto sia stata valida ed efficace l’idea». Poi però, il tono si fa serio e dalla bocca del coordinatore esce un accalorato appello: «Chiedo al Comune di proteggere e salvaguardare questo patrimonio dai ripetuti atti vandalici».

Imminente la replica della stessa Sorge: «Nel progetto di riqualificazione del lungomare c’è anche l’intenzione di mettere in sicurezza il Molo Sud, magari con l’installazione di un sistema di videosorveglianza».

I maestri, che arriveranno nella mattinata di sabato, saranno ospitati dall’Hotel Sabbiadoro di Viale Marconi, grazie all’impegno profuso dall’Assoalbergatori. Nel pomeriggio si sposteranno in Comune per un briefing ed un antipasto della mostra. Solo successivamente, questi si sposteranno al Molo, per scegliere il blocco sul quale imprimere la scultura.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 777 volte, 1 oggi)