SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Riviera delle Palme sarà la protagonista dell’ultima puntata stagionale di “Cuochi senza frontiere” in onda il prossimo 27 giugno (Retequattro, ore 11.40). La popolare trasmissione, condotta da Davide Mengacci e Michela Coppa, verrà registrata domenica 14 giugno a partire dalle 10 presso il “Giardino dei bambini” del lungomare di Porto D’Ascoli (concessione 71-71 bis).

L’appuntamento, fondamentale per la città al fine di sponsorizzare il mare e la cucina sambenedettese, proporrà una sfida all’ultima forchetta tra due concorrenti diversi tra loro. Il regolamento prevede infatti una competizione tra un cuoco locale ed uno straniero, che però da molto tempo risiede nella zona. Il primo, Davide Pignotti, laureando in Giurisprudenza all’Università di Camerino, preparerà i fagottini con le alici; mentre Annamaria Mercuri, olandese e da parecchi anni “adottata” da San Benedetto, cucinerà un cake salato di acciughe. Il trionfatore si aggiudicherà un ambito soggiorno in una località italiana.

Lo spettacolo sarà arricchito dall’intervento di bande e gruppi folcloristici che animeranno la festa di piazza e dall’esposizione di prodotti tipici della provincia picena. In questo senso, lo chef Mauro Michetti lancerà i piatti caratteristici, tra cui verdure in agrodolce, pappardelle di pane ed olive ascolane.

Soddisfatto dell’iniziativa il sindaco Giovanni Gaspari, intervenuto alla conferenza stampa di presentazione tenutasi a “Villa Brancadoro”: «L’idea è bella. Abbiamo cercato le risorse necessarie per poterla realizzare e grazie all’aiuto di Regione e Camera di Commercio ci siamo riusciti. Questo territorio – ha continuato il primo cittadino – possiede enormi qualità ambientali ed enogastronomiche, ma in pochi lo sanno. Dobbiamo dunque sforzarci a pubblicizzarlo».

Un monito che ha trovato pienamente d’accordo Vittoriano Solazzi, Assessore regionale al Turismo: «Alle Marche non manca nulla, ma pochi italiani e stranieri conoscono davvero questo luogo. La comunicazione è di conseguenza importante, se non basilare».

La parola è poi passata al presentatore, desideroso di marcare anche un’impronta sociale allo show: «Trattasi del primo e unico programma multietnico d’Italia, dove il Paese dimostra l’accettazione e l’accoglienza nei confronti di stranieri ed extracomunitari. Peccato solamente che nessuno lo sottolinei e che questa qualità passi costantemente inosservata».

E’ la quarta volta in dodici mesi che “Cuochi senza frontiere” giunge nelle Marche. In precedenza era stata la volta di Urbino, Macerata e Visso.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.158 volte, 1 oggi)