SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Malviventi stroncati sul nascere. Un diciannovenne sambenedettese e un minorenne classe 1992, muniti di una felpa che copriva tutto il volto e di una pistola giocattolo priva di tappo rosso, hanno infatti rapinato nei giorni scorsi alcuni negozi del centro della città.

Le rapine sono avvenute il 4 giugno, quando i ragazzi intorno alle 20.30 hanno preso l’incasso di “Ciak Video” in via Carducci, poi alle 21 dello stesso giorno è stata la volta della pizzeria “Margherita”. Il 5 giugno invece i due hanno rapinato alle 19.30 il bar “Cavalluccio Marino”, per un totale di circa 300 euro con i quali hanno acquistato ricariche telefoniche e vestiti di marca.

Dopo tre giorni i neo rapinatori sono stati riconosciuti dal comando di Polizia di San Benedetto grazie alle registrazioni delle telecamere di sicurezza poste all’esterno delle attività che hanno ripreso i loro volti. I ragazzi infatti, un po’ impacciati e maldestri, non hanno fatto caso a questi dispositivi di sicurezza, si coprivano il viso solo una volta sulla soglia dei negozi. Uno dei due puntava la pistola giocattolo contro il commesso, come aveva visto fare nel film ”Gomorra”. Poi diceva qualcosa tipo ”dammi i soldi o ti ammazzo”, e arraffava il denaro che c’era in cassa.
L’individuazione è stata immediata anche perchè i due giovani frequentavano le pinete del centro di San Benedetto, intorno alle quali le forze dell’ordine svolgono costantemente un lavoro di controllo. La Polizia si è quindi recata a casa dei ragazzi nelle quali hanno trovato i materiali usati per la rapina tra cui la felpa che sembrerebbe realizzata appositamente per non farsi riconoscere (si chiama “Criminal”) e che si trova liberamente sul mercato.

I genitori increduli erano all’oscuro di tutto e non si spiegano il perchè di tale gesto, poichè le loro situazioni economiche non erano disagiate.  La Polizia ha anche cercato di far capire ai ragazzi il rischio che hanno corso e le ripercussioni che questo gesto avrà nelle loro vite dato che ora i ragazzi sono stati denunciati e piede libero per rapina a mano armata e sono ora in attesa della condanna.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.610 volte, 1 oggi)