SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ un Emidio Mandozzi soddisfatto quello che arriva in Comune verso le 20. Per una San Benedetto dove il Pd è sotto il 20%, ci sono confortanti risultati particolarmente a Monteprandone e Offida.

«Al ballottaggio cercheremo di prendere i voti dell’elettorato di sinistra, in modo da riunirlo e battere la destra. Ringrazio gli elettori per la fiducia che hanno espresso nei miei confronti e per aver creduto nel nostro progetto, è una competizione dura ma leale quella che stiamo vivendo».

Aggiunge il candidato della coalizione Pd-Verdi-Idv-Dc: «Andiamo al ballottaggio nella convinzione di portare avanti un percorso di rilancio del Piceno che ci auguriamo possa partire subito, tra 15 giorni lavoreremo per allargare il nostro consenso».
Anche l’esponente dell’Italia dei Valori Dante Merlonghi è ottimista: «Non pensiamo che vincerà la destra, i dati ci confortano».

Insomma, fra le fila dei sostenitori di Mandozzi c’è ottimismo riguardo al sostegno che dovrebbe dare l’elettorato che in questo primo turno ha votato per Massimo Rossi. E c’è ottimismo rispetto al consenso di una coalizione che, secondo i piani di Mandozzi e alleati, dovrebbe solo migliorare.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 798 volte, 1 oggi)