MARTINSICURO – «La rinegoziazione della fornitura di energia elettrica è stata regalata alla ditta privata mentre poteva beneficiarne il Comune»: il Pd di Martinsicuro torna sulla questione Pubbliluce sia con un manifesto che con una specifica interrogazione che il capogruppo di opposizione Mauro Paci ha indirizzato all’assessore ai Lavori Pubblici Francesco Tommolini.

«Piuttosto che esternalizzare il servizio – si legge in una nota – sarebbe stato utile per il Comune, vista la gravosità della spesa per l’energia elettrica, realizzare uno studio serio sul risparmio energetico per produrre un adeguato risparmio economico cogliendo le opportunità delle leggi in materia (europee, statali e regionali)».

Il Pd sostiene inoltre la dubbia legittimità degli atti che hanno portato all’affidamento esterno diretto del servizio e ne attribuisce le eventuali responsabilità ai dodici consiglieri della maggioranza Di Salvatore.

A tal proposito Mauro Paci ha chiesto a Tommolini di rispondere per iscritto in merito a numerosi aspetti della gestione del servizio, come ad esempio sulla spesa di circa 378mila euro da corrispondere annualmente alla ditta, sul nuovo impianto di illuminazione sul lungomare e la sua conformità al progetto, sull’eventuale variazione dei consumi energetici nominali e sulle mansioni svolte attualmente dagli elettricisti dipendenti comunali.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 379 volte, 1 oggi)