SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nella giornata di domenica personale del Comando Carabinieri di San Benedetto ha tratto in arresto il 33enne di origini liberiane O.E.O., risultato clandestino e domiciliato a Castel di Lama.

Il soggetto aveva con sé 11 grammi di eroina. Gli sono state sequestrate anche 500 euro in banconote probabile introito dell’attività di spaccio. Inoltre lo stesso risultava colpito da due mandati di espulsione emessi in date diverse dalle Prefetture di Verona e Teramo.

Con l’accusa di “Detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio” lo stesso si trova ristretto presso il carcere di Marino del Tronto a disposizione delle Autorità Giudiziarie.

Sempre nella stessa giornata la motovedetta dell’Arma dei Carabinieri 708, durante una normale fase di controllo, ha individuato un cittadino di origine tunisina che stava lavorando senza alcun documento a bordo di una barca iscritta al compartimento di San Benedetto il cui proprietario risiede a Grottamare.

Il clandestino veniva  trasportato in questura per avviare le pratiche di espulsione. Il proprietario della barca veniva denunciato a piede libero per “sfruttamento a fini lavorativi e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 510 volte, 1 oggi)