Paganti 4.162 per un incasso di 57.634

Rumignani in sala stampa, ha un poco di recriminazioni contro l arbitraggio

RUMIGNANI Zappino ha fatto buone parate, ma ci ha messo del suo anche nella perdita di tempo, l’età el’esperienza me la permettono, sono partite di 180 minuti, quindi il portiere e Bernini hanno contribuito a far perdere tempo. Quando andremo a casa loro a noi non ci sarà concesso cosa hanno fatto l’1 e l’11 avversario. Se si gioca così, cosa ci facciamo in campo.

Il pareggio? Certo, c’è qualcosa che rode dentro me, perché sono convinto dell’impresa, perché questa squadra sembra che ha caratteristiche da “premiata ditta” nel primo tempo, mentre nel secondo tempo ci mancava un poco di penetrazione. Sono convinto per le gare di Venezia e Busto che per loro non è facile fare lo 0-0, noi non facciamo ostruzione. E’ evidente che da domani – ho anticipato il ciclo di lavoro settimanale – smaltiremo la rabbia e martedì saremo pronti per tentare l’impresa.  Qualche giocatore ha finito allo stremo delle forze, anche Marino uscito per noie muscolari.

Marino? Per conto mio è stato uno dei migliori e nelle geometrie, che sbaglia meno di altri. La sua condizione non è al massimo ma bravo di testa, bravo nei contrasti e bravo tecnicamente, bene affianco di Palladini. Lo stesso si dica per Magnani, anche Forò che stanotte aveva un poco di febbre, che si è messo a piangere quando gli ho detto che non avrebbe giocato, non me la sentivo di farlo giocare se non era bene.

Io devo anche andare contro la popolarità, se voi non darete ben voto io lo tirerò su.

Queste sono classiche, una punta non può giocare al solito. Morini ha tecnica superiore a tutti, ma sono tali che quando il terreno scotta lui il naso non ce lo mette, se non sull’1-2, queste partite servono giocatori che fanno legna e segatura, che fanno da spalla a Cammarata. Qui è come il ciclista, la spalla tira per il capitano. Morini non è un combattente che tiene il terreno per 90 minuti. Ma ha fatto il suo quando è entrato.

Il terreno pesante? Secondo me agevola il giocatore tecnico, come Morini o Palladini, mentre gli altri fanno più fatica.

Questa è la mia quinta partita, la migliore da quando sono qui. Ci conosciamo poco, se ho dieci occasioni e ne subisco 2, preferisco crearne 5 e subirne 0. Non facciamo gol? L’importante è crearle.

Sono incazzato, non ottimista. Sono in campo da una vita, a 16 anni ero professionista e che devo avere paura? La partita non l’abbiamo vinta per troppe interruzioni attraverso le simulazioni, rinunciando a tutte le manfrine che ha fatto Bernini, è evidente che quest’arbitro dovrà correggersi strada facendo, e dovrà essere contento di questa ramanzina. Ci sono tante cose da correggere nel calcio, a partire dalla federazione che in questi spareggi non fanno entrare i ragazzini al di sotto di dieci anni, ma scherziamo? E poi durante il campionato ci dicono di fare arrivare i ragazzi. Se la Figc abolisce i ridotti, ma allora questa è ostruzione. Io le cose le dico in faccia, dico il giusto, sono andato spesso nelle sezioni arbitrali…

L’arbitro tecnicamente ha arbitrato bene, al di là dei cartellini gialli… I guardalinee uno bene l’altro male, l’arbitro come gestione del gioco, però, ha garantito troppo ostruzionismo. Non voglio avere vantaggi ma almeno garantire la continuità del gioco. Sono incazzato nero.

MARCONATO Oggi buonissima partita, ma siamo consapevoli che dobbiamo vincere a Lecco. Lì dobbiamo giocare come oggi, sappiamo che dobbiamo fare la partita. Zappino all’ultimo minuto? Sì, gioca nel Lecco ed è stato bravo. Se vinceremo spero che qualcuno valuti le immagini delle perdite di tempo di oggi del Lecco. Abbiamo avuto un paio di occasioni nitide, le altre un poco sporche. Andremo a Lecco a fare la partita. C’è fiducia perché se giochiamo come oggi non vedo perché no. Se stasera perdiamo questa forza, retrocediamo già. Parlo per il gruppo, la fiducia c’è sempre.

SPINA

Ci mettono a disposizione del solo settore ospiti, 890 persone, noi per ordine pubblico chiediamo un altro settore, dovremmo arrivare al massimo a 1200. Dobbiamo andare su per fare un gol più degli altri. Mi aspettavo qualcosa in più da chi è entrato nel secondo tempo. Altro ci può stare. Zappino è stato decisivo, tre parate da portiere di categoria superiore. Abbiamo venti pullman a disposizione per Lecco, messi a disposizione dall’agenzia Pertur. Da domani daremo le informazioni su come organizzarci. Il progetto è chiaro, certo che puntiamo alla salvezza ma i nostri progetti ci sono in tutti i casi. Chiediamo al pubblico di giocare in casa anche a Lecco, per noi è importantissimo. Il Lecco visto oggi mi sembra diverso rispetto a quello del campionato.

PELLEGRINO (ALL. LECCO) Perdite di tempo? Non credo, certo in queste gare delicate un minimo fa parte del gioco. Credo che ci sia stata una ottima Samb che ha dato intensità a tutta la gara, tre o quattro buone occasioni, volevano vincere. Noi siamo riusciti a tenere anche se avevamo dei giocatori non al massimo. Il pareggio è un risultato importante, vista anche la partita, ma domenica sarà tutt’altra gara piena di pericoli e insidie. Il pari era il minimo per noi. Se pensassimo di avere delle possibilità di salvarci sbaglieremmo di brutto. Noi cercheremo di fare il massimo. Noi meglio nel secondo tempo? Avevamo preparato la partita diversamente, i meriti però sono stati della Samb. Noi nella ripresa abbiamo cercato di essere più equilibrati, di tenere più palla. Zappino ci ha messo una pezza importante. Noi pensavamo di creare qualche contropiede, ma molto ha influito alcuni giocatori in difficili condizioni atletiche.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.907 volte, 1 oggi)