dal settimanale Riviera Oggi numero 775 
GROTTAMMARE – La nostra indagine sulla crisi tra le aziende del grottammarese si sposta ora al settore automobilistico. E si fa presto a scoprire che in tempi di ristrettezze economiche qualcuno preferisce andare a piedi e che l’automobile è diventata quasi un bene di lusso. Chiedendo ad alcuni concessionari che operano a Grottammare ci si rende infatti conto che la crisi si fa sentire anche in questo settore. Il problema non è legato certamente solo all’acquisto in sé, ma anche ai costi che poi occorre sostenere per mantenere ed utilizzare l’auto. Intendiamo ovviamente bollo, assicurazione, carburante e manutenzione. È per questo che le scelte degli acquirenti ricadono su mezzi di cilindrata inferiore e alimentati a gas.
Gioacchino Cameli della Drive In ci dice senza troppi giri di parole che le vendite sono scese circa del 35%. «Il fatto è che non si vende più il nuovo, ma neanche l’usato. Se non c’è liquidità non si acquista e basta». Alla Best Car Motorsport la situazione è un po’ migliore «ma – afferma Gianni Capriotti – solo perché sono un rivenditore plurimarche, quindi bene o male vendo ugualmente. La domanda sicuramente è diminuita e le vetture più richieste sono quelle di fascia medio-bassa o incentivate, ad esempio quelle a metano o a GPL». Capriotti sostiene che il problema fondamentale è che molte persone sono già oberate da moltissime rate e mutui, quindi non sono finanziabili, o comunque non se la sentono di aggiungere altri impegni finanziari a quelli già esistenti. «Si va avanti in attesa di tempi migliori». Una voce un po’ fuori dal coro è quella di Gianmarco Rossi della Pieffe Auto. Concorda sul fatto che nel 2008 c’è stata una pesante crisi, ma ora nota una leggera ripresa, grazie anche agli incentivi di febbraio.«Da quanto sto constatando ultimamente l’usato si vende anche meno del nuovo, dal momento che con gli incentivi statali acquistare un’auto nuova è certamente più conveniente. Magari si preferisce un’auto di fascia inferiore, ma comunque nuova».

(continua)

cliccando sul tag “speciale crisi” potrai leggere le puntate precedenti dell’inchiesta  

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 936 volte, 1 oggi)