SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Anche Moni Ovadia al “Festival della Pace”. Il regista teatrale sarà a San benedetto sabato 30 maggio e si esibirà in uno spettacolo ad ingresso gratuito che si terrà a partire dalle 21.15 in via Montebello.
Moni Ovadia, già insignito del “sigillo della pace” dalla città di Firenze nel 1995, sarà affiancato sul palco da dieci straordinari musicisti: Ivanta Balteanu per il canto, Paolo Rocca con il clarinetto, Massimo Marcer con la tromba, Albert Florian Mihai alla fisarmonica, Luca Pagliani alla chitarra, Marian Serban con il cymbalon, Marin Tanasache al contrabbasso, Virgil Tanasache al violinoe Mauro Pagiaro al suono.

Spiega Ovadia: «Gli ebrei e il popolo degli “uomini” per secoli hanno condiviso lo stesso destino. Il tratto comune che ha segnato la loro storia spesso tragica per colpa delle nazioni che li tolleravano o li perseguitavano, ma sublime per loro esclusivo merito, è stata la condizione di “altro”».

«“Ebrei e zingari” – spiega l’attore – è il nostro contributo alla battaglia contro ogni razzismo, è un recital di canti, musiche, storie Rom, Sinti ed Ebraiche che mettono in risonanza la comune vocazione delle genti in esilio».

Moni Ovadia prenderà inoltre parte al convegno dedicato al tema della pace, sempre sabato 30 maggio, alle ore 17.30 alla Palazzina Azzurra, insieme al filosofo Gianni Vattimo e al poeta e scrittore Ennio Cavalli. A seguire, ovvero alle 18.30, il sindaco Gaspari consegnerà la cittadinanza onoraria ai bambini palestinesi, rappresentati da un gruppo di essi, dal “primo funzionario” dell’Ambasciata Palestinese a Roma Rabie Mohammed e da Yosuf Hamdouna, in rappresentanza di una scuola in Palestina.
Il “Festival della Pace” è organizzato dall’amministrazione Comunale e va dal 29 maggio al 2 giugno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 669 volte, 1 oggi)