SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Mandozzi accoglie la proposta di Gaspari, che venerdì ha sollecitato la Provincia di Ascoli ad entrare nel capitale sociale della Azienda Multiservizi in modo che la società possa prendere appalti dall’ente di Palazzo San Filippo.
Il candidato del Partito Democratico, ex assessore al Lavoro della giunta Rossi, esprime vicinanza e solidarietà ai lavoratori che vedono la propria occupazione a rischio. Proprio per via di questa situazione di tensione, infatti, lunedì mattina gli operai sciopereranno con l’accordo di tutte le sigle sindacali dalle 9 alle 13, facendo un sit in davanti al municipio per chiedere a Gaspari di essere ricevuti.

Ma ecco la promessa del candidato Mandozzi: «Ritengo doveroso impegnarmi sin da ora a che, se eletto, la Provincia di Ascoli Piceno, attraverso l’acquisto di quote societarie, metta in campo una forte azione a salvaguardia del lavoro, dell’occupazione e del futuro della stessa società, beneficiando della professionalità acquisita dai dipendenti della Ams, da adibire per lavori di manutenzione e segnaletica stradale ed alla sistemazione e manutenzione del verde pubblico. Le istituzioni pubbliche hanno il dovere, in simili casi, di aiutare a risolvere i problemi. E quelli in cui versa la Multiservizi possono essere risolvibili solo attraverso un forte impegno di tutti».

Reimpiego dei lavoratori, evitare dispersione di professionalità: con queste motivazioni dunque Mandozzi assicura una sua risposta affermativa alla proposta del suo collega di partito Gaspari.

.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.139 volte, 1 oggi)