da Riviera Oggi in edicola
SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dovrà giocarsi la salvezza all’ultimo atto l’Adriatica Bitumi Basket Club San Benedetto. In gara tre della semifinale play out i rossoblu di coach Nello Poggi sono stati sconfitti a Pedaso per 78-55, regalando così ai ”cugini” la certezza della permanenza in serie C2. Nel decisivo turno di spareggio i sambenedettesi affronteranno ora Fermo, battuto da Jesi nell’altra serie. La buona notizia è che basterà vincere per evitare la retrocessione. L’ultimo
turno play out della serie C1 ha visto, infatti, sia Urbania che Cagli conquistare la salvezza. Se una delle due fosse retrocessa, lo spareggio tra rossoblu e fermani sarebbe stato, di fatto, inutile, in quanto entrambe le squadre sarebbero state condannate. Il regolamento prevede, infatti, che oltre alla perdente della serie finale dei play out finiscano in serie D tante squadre marchigiane quante ne scendono dalla categoria superiore. Per battere Fermo servirà però un’Adriatica differente di quella vista a Pedaso.

Ecco i dettagli di gara due e gara tre

Gara 2: San Benedetto-Pedaso 93-84

Privi di Di Chiara ma con Martinez in campo, i ragazzi di coach Poggi si impongono al termine di un match controllato per tre tempi e mezzo e poi portato comunque a casa nonostante un’incredibile serie di palle perse che ha permesso agli
ospiti di risalire da -20 a -4. In un PalaSpeca ancora deserto per l’ultimo turno di squalifica del campo, l’Adriatica
Bitumi Basket Club è partita bene. Valori e Christ hanno messo a dura prova la difesa ospite, mentre Martinez ha firmato il break che ha portato i locali a chiudere metà gara avanti di 47-36. Il divario aumenta nel terzo quarto (68-41) e arriva a toccare i 20 punti quando mancano cinque minuti alla fine. A questo punto i padroni di casa vanno in difficoltà sulle rimesse e perdono palloni su palloni fino a permettere a Pedaso di riportarsi a -6. Nuovo strappo dei rossoblù a 30” dalla fine (89-80) e nuove amnesie che riportano gli ospiti sul -4 (89-85). A questo punto l’Adriatica evita ulteriori complicazioni e chiude la gara dopo una serie di tiri liberi sul 93-84.

Gara 3: Pedaso-San Benedetto 78-55

Di scena in un Palazzotto quasi da tutto esaurito i sambenedettesi sono partiti malissimo, incassando un terrificante parziale di 31-12. Pedaso ha quindi contenuto al meglio la reazione rossoblu, andando al riposo sul 44-29. L’intervallo non ha giovato a un’Adriatica incapace di trovare tiri facili, mentre i padroni di casa hanno incrementato il vantaggio fino a superare i venti punti (61-40). Ultimo quarto costellato di errori e buono
solo per le statistiche, concluso con Pedaso a festeggiare il 78-55 che garantisce la salvezza.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 860 volte, 1 oggi)