BUSTO ARSIZIO – Arrestato Giuseppe Zoppo, ex presidente del Pro Patria, con l’accusa di bancarotta fraudolenta. Le indagini erano iniziate qualche mese fa in conseguenza della denuncia da parte dei giocatori a causa del mancato pagamento delle retribuzioni (lo stesso Cammarata, a Busto Arsizio fino a dicembre, lamenterebbe il mancato pagamento di almeno un paio di mensilità).
Zoppo avrebbe sottratto denaro dalle casse sociali, prelevati dagli incassi e dagli sponsor: l’importo totale delle sottrazioni è stato stimato, dalla Guardia di Finanza, in 330 mila euro. La Pro Patria, ricordiamo, è stata dichiarata fallita durante questo campionato.
Sono state accertate, infine, violazioni tributarie, in capo alla società sportiva, connesse ad omessi versamenti di ritenute fiscali e omessi versamenti di Iva.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 871 volte, 1 oggi)