Serie D Maschile: Kirby – Pol.Bottega 1-3 (20-25, 22-25, 30-28, 21-25)

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una doccia gelata risveglia pubblico e giocatori dal sogno di Serie C, accarezzato lungamente. Alla palestra “Moretti”, la Polisportiva Bottega da Colbordolo (PU), con un discreto numero di sostenitori al seguito, è riuscita, in due ore e mezza circa di gioco, a strappare la vittoria e la promozione alla squadra allenata da Andrea Raffaelli.

Il primo set si apre con il servizio di Farina a cui fa seguito anche il primo attacco a segno della Kirby Volley. Il pubblico esulta attendendosi un succedersi di altre azioni simili. Al contrario, la Pol. Bottega non si lascia intimorire e risponde agli attacchi avversari portandosi agilmente sull’1-4, mettendo, così, il coach Raffaelli in condizione di chiedere il time-out. La formazione sambenedettese gioca contratta, appannata. Tutto il potenziale di cui è detentrice non riesce ad esprimersi sul parquet. Gli ospiti, molto più concentrati, con attacchi efficaci di Baldelli e Rinaldi riescono a raggiungere e mantenere il massimo distacco di 6 punti in diverse occasioni. Sul 15-22, Scaltritti sferra il suo attacco sul libero Tomassoli e con un ace in battuta accorcia le distanze (17-22). Lo sforzo prodotto, purtroppo, non è sufficiente: sul 19-23, un implacabile Rinaldi strappa il 24° punto. La ricezione di Bottega va in tilt per un attimo (20-24), ma poi Stefano Fares con un servizio out serve il set agli avversari (20-25).

Si riprende a giocare con una situazione di assoluto equilibrio. La Kirby non è ancora entrata nella mentalità giusta, però sembra tenere il confronto. Di nuovo l’indomito Rinaldi mette in difficoltà il muro sambenedettese e determina l’allungamento in avanti della squadra di Colbordolo. La prima difesa efficace sull’uomo è di Stefano Fares (4-8). Si procede nell’incontro con la Kirby ad inseguire una Colbordolo determinata. Nel frattempo, i ragazzi di Raffaelli sembrano trovare l’antidoto agli attacchi di Rinaldi e, in più occasioni, lo neutralizzano con muro a due. Con un distacco di 4 punti (18-22), Bottega si permette di sbagliare un servizio, murare out un attacco di Marco Fares e di restare a guardare una schiacciata impossibile dello stesso Fares. La Kirby, riportatasi a -1 con 21-22, mantiene il breve distacco a 22-23. Un lungolinea contestato dà a Bottega il punto 24 e un servizio, in dubbio se in o out, il punto 25. Anche il secondo set è della squadra di Colbordolo.

Il terzo set, che potrebbe essere decisivo per la Pol. Bottega, si apre anch’esso con una iniziale parità. Ma, inaspettatamente, la Kirby riacquista lucidità e rientra in partita. Soffre perché Bottega dà filo da torcere, ma ha tutte le carte in regola, questa volta, per riuscire nell’impresa. Quercia fa segnare il massimo distacco di 6 punti con un rassicurante 12-6. I sambenedettesi conducono il gioco sempre in vantaggio ma, da dietro, la squadra ospite, anche a seguito di decisioni arbitrali piuttosto discutibili, rosicchia punti importanti tanto da trovarsi insieme sul 23-23. Da qui in poi, un cambio palla dopo l’altro, le due formazioni si trovano coinvolte in una lotta serrata punto a punto per raggiungere l’agognato scarto di due punti. Stefano Fares attacca (29-28) e Netti sigilla il set con un ace (30-28).

Il quarto set si apre con gli avversari proiettati in avanti. Nonostante nella frazione di gioco precedente i ragazzi di Raffaelli si siano scrollati di dosso un torpore infausto, ora devono fare i conti con una squadra che vuole fortemente la vittoria. Il libero Scartozzi è una pedina importante per la costruzione delle azioni della Kirby, tanto che la Pol. Bottega non riesce ad accumulare un forte distacco. Un breve black out della squadra di casa dà come risultato il massimo gap di 11-17. Ma Tavoletti, Marco Fares e Quercia risollevano morale e sorti fino al 18-19. Su un attacco di Bottega il muro della Kirby, apparentemente valido, viene invalidato dall’arbitro che assegna il punto agli avversari. Da qui la protesta nervosa di entrambe le squadre e il conseguente doppio cartellino giallo, che ha lasciato un 19-22 sul tabellone e l’amaro in bocca ai supporters della Kirby. Gli atleti di casa, irritati e scombussolati, lasciano la Pol. Bottega correre verso la vittoria e verso la promozione in Serie C (21-25). Dispiaciuti il pubblico, ma soprattutto i diretti interessati, ragazzi e allenatore, che hanno lavorato molto e duramente sin dalla preparazione estiva. Il sogno per loro è svanito, ma a loro vanno comunque i complimenti per un campionato entusiasmante, giocato col cuore e a pieni polmoni.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 885 volte, 1 oggi)