GROTTAMMARE  – La V° classe della scuola primaria “Ischia” dell’Isc Leopardi di Grottammare e la V° classe della scuola primaria dell’Isc di Offida si sono confrontate nell’ambito del progetto di educazione ambientale “Piccoli Comuni, grandi Scuole”.Distinto in due fasi, il progetto ha visto gli scolari alternarsi nel ruolo di “timonieri” di un percorso di conoscenza dei rispettivi luoghi di residenza. Dopo la trasferta nel centro collinare, il 17 aprile, per conoscerne le ricchezze storiche e culturali, sono stati gli scolari di Offida a ricambiare la visita, il 28 aprile scorso. Questa volta, la lezione s’incentrava sugli aspetti paesaggistici del litorale, per approfondire, in particolare il progetto del Parco Marino.

L’incontro tra le due classi è avvenuto in municipio, dove il sindaco Luigi Merli e l’assessore all’Ambiente, Giuseppe Marconi, hanno accolto i bambini con un breve saluto, sottolineando il valore delle piccole comunità nel facilitare le relazioni tra le persone: «Abbiamo la fortuna di vivere in luoghi bellissimi – ha dichiarato il sindaco Merli – oltre che per il paesaggio, anche per il fatto che ci è ancora possibile scambiare un saluto con le persone che incontriamo  cosa che non avviene nelle città più grandi e che invece è fondamentale per conoscere le persone e magari costruire rapporti di amicizia».

Gli scolari si sono poi recati all’imbocco della pista ciclabile Grottammare–Cupra Marittima, dove si è tenuta la lezione vera e propria, alla presenza del delegato di Legambiente, Sisto Bruni, e con la collaborazione della responsabile del Servizio Ambiente del Comune di Grottammare, Sonia Capeci.

Un obiettivo, quello della socializzazione, che sembra essere stato centrato, come riferisce il giorno seguente la docente dell’Isc Leopardi, Elisabetta Pesoli: «Ai bambini è piaciuta molto questa esperienza perché si sono resi conto di quanto sia importante l’ambiente che li circonda e condividerla con altri alunni  provenienti da realtà scolastiche differenti è stata per loro una novità molto entusiasmante. Purtroppo, incontrare e confrontarsi con altre scuole non è frequente, perché prevede un’organizzazione complessa e anche poco compatibile con gli orari scolastici».

L’iniziativa, che è stata fortemente sostenuta dai dirigenti dei due istituti scolastici, il professor Maurilio Piergallini (Grottammare) e il professor Giovanni Isopi (Offida), rispondeva alla campagna  “Piccoli Comuni, grandi scuole”, promossa da Legambiente, ed è  stata curata dall’insegnante Elisabetta Pesoli, coordinatrice del progetto Ecoschool per l’Istituto grottammarese, come momento qualificante del piano di azioni volte alla riconferma della Bandiera Verde.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.101 volte, 1 oggi)