MARCONATO 7: una sola parata, ma da grandissimo numero 1. L’incornata di Virdis, a colpo sicuro, sembrava destinata sul sette, lui l’ha deviata quel tanto che è bastato per spedirla sulla parte bassa della traversa.

TINAZZI 7: gara modello del terzino, che in difesa non sbaglia praticamente nulla. Qualche piccola incertezza, invece, quando prova ad andare all’attacco.

SIRIGNANO 6,5: Rumignani ha rimesso le cose a posto e il terzino sinistro mostra il suo valore di giocatore di categoria, con una intesa crescente con Ferrini.

PALLADINI 8: il voto non è tanto per quello che fa in campo, pur notevole, ma per l’enorme valore che il suo lavoro ha per i compagni di squadra e per tutto il pubblico rossoblu. Una bandiera, un giocatore che deve diventare il simbolo della Samb dei prossimi anni anche in ruolo diversi rispetto a quello di calciatore.

MOI 7: non commette nessun errore e si fa valere nell’ultimo quarto d’ora, quando il Legnano si riversa in massa nell’area di rigore rossoblu.

LANZONI 6,5: il ragazzo mostra tutte le sue doti di difensore centrale mettendo la museruolo prima ad Albanese e poi anche a Virdis, ad eccezione del colpo di testa che ha colpito la traversa.

MAGNANI 7: destro, sinistro, cross, testa di Morini, gol, 1-0. La partita del centrocampista, tornato ai suoi livelli, è tutta nell’azione che ha consentito al compagno di fissare il risultato finale. Cala nel finale a causa di una condizione fisica ancora precaria.

TRAINI 7: il migliore dei rossoblu nel primo tempo, mette le sue lunghe leve in tutte, o quasi, le azioni offensive dei rossoblu. Fa muro affiancando Palladini al centro del campo. Scende un poco nella ripresa, ma resta su livelli discreti.

CAMMARATA 6,5: ha tra i piedi la palla del 2-0 della sicurezza, la sbaglia per un nonnulla. Gioca meglio come seconda punta che come centravanti.

FERRINI 7: un poco in ombra nel primo tempo, prende confidenza con il ruolo di esterno di centrocampo nella ripresa, quando domina il suo settore con l’aiuto di Sirignano, col quale l’intesa cresce.

MORINI 7,5: un gol che da solo vale mezzo campionato, realizzato di testa, cosa che non è sicuramente il suo forte. Nel primo tempo, quando ha ancora le gambe, dà comunque molta vivacità al reparto avanzato.

OLIVIERI 6,5: molto dinamico nel finale, riesce a tener su la squadra pur con un paio di disattenzioni evitabili.

PIPPI ng: pochi minuti per lui, non incide

RUMIGNANI 7,5: a Venezia avevamo detto che la sua impronta si era vista per quel che riguardava difesa e centrocampo, oggi l’ha confermato. La Samb è squadra che adesso sa difendersi e chiudere con ordine, in base al quale prima è importante non prendere gol, nella speranza che davanti, ogni tanto ci si ricordi di buttarla dentro. Massima calcistica che dovrà essere portata agli estremi nella trasferta di Busto Arsizio, contro la capolista che vorrebbe festeggiare proprio domenica prossima una eventuale promozione diretta in Serie B. C’è da tremare. Mancano 180 minuti alla fine della stagione regolare, c’è da soffrire da matti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 664 volte, 1 oggi)