MORRO D’ORO: Migliaccio, Campanella (62’Recchiuti), Natalucci ( 50’Prete), Francia, Di Francia 6, Marotta 6, Pedalino, Ruscitti, Colella, Pietrella, Dragani (78′ Germini, ). All. Amaolo
GROTTAMMARE: Domanico, Mauro, Nicolosi, Polenta, Cameli, Oddi, Adamoli, Vrioni (46′ Del Moro), Maraschio, Maccagnan (87′ Pignotti), Pasquini, (78’Marini). All. Scarfone
Arbitro: Il signor  Opromolla della sezione di Salerno.
Rete: 31′ Colella (M).

Espulsi:  al 59′ Polenta (G) per doppia ammonizione. 
Ammoniti: Polenta (G),  Colella (M), Germini (M), Prete (M).

 

MORRO D’ORO (Teramo) – Se per il Centobuchi nonostante la sconfitta sorridono i risultati degli altri campi non è la stessa cosa per il Grottammare (alla sua 18° sconfitta complessiva – la nona in trasferta) che dopo la sconfitta di domenica a Morro d’oro e la concomitante vittoria interna del Real Montecchio col Tolentino è tornato a -5 dai pesaresi che occupano l’ultimo posto utile per i play out.
Ma se le altre volte c’era il tempo per recuperare ora ce n’è meno, mancano infatti solo tre giornate alla fine. Non tutti i mali vengono per nuocere e i grottammaresi potrebbero spostare la loro corsa disperata sul Luco Canistro (ieri sconfitto in casa dal Chieti) agganciato ieri dai montecchiesi e prossimo avversario del Grottammare al Pirani.
Tornando alla prestazione di domenica, la gara dei biancocelesti (privi degli squalificati Marcatili, Di Felice e Rulli) è stata caratterizzata da un primo tempo abulico in cui si è fatta vedere davanti solo con sporadiche conclusioni dalla distanza di Maccagnan e una ripresa più vivace in cui conduceva il gioco ma non riusciva a recuperare lo svantaggio, denotando come in tutto l’arco del campionato che i gol presi non sono molti, ma quei pochi incassati (notare che il Grottammare in questo torneo ha spesso perso solo per 1-0 e non ha mai subito più di 2 gol a partita o perduto con più di 2 gol di scarto) come in questa occasione sono stati decisivi, anche per un attacco sterile che non a caso è numericamente il peggiore del torneo.
Come in quasi tutte le gare di questo campionato come anche nella precedente trasferta contro la Pro Vasto (vittoriosa nel finale di gara) il Grottammare ha sempre giocato alla pari delle avversarie mancando però di cinismo ossia non riuscendo però quasi mai a trovare il colpo del ko, quel colpo che invece gli avversari hanno trovato spesso.
Il gol partita della squadra biancorossa (che ha ottenuto il sesto risultato utile consecutivo dopo che domenica scorsa aveva bloccato il Fano sul pareggio favorendo il sorpasso della Pro Vasto) è stato siglato al 30′ da Colella che con un copo di testa raccoglieva un cross dalla sinistra di Pietrella e lo girava in fondo alla rete ospite difesa dall’incolpevole Domanico. Gli uomini di Scarfone hanno provato con tutte le loro forze a reagire giocando un ottimo secondo tempo ma sono stati penalizzati dai soliti episodi arbitrali al 60′ infatti Polenta veniva forse troppo severamente espulso per doppia ammonizione in seguito ad un fallo  e pochi minuti dopo ai rivieraschi non gli veniva concesso un dubbio rigore. Con questo risultato il Morro d’oro è ad un passo dalla salvezza con un + 6 sulla zona play out.

 

 

Curiosità Morro d’oro: L’Aquila calcio ( http://www.laquilacalcio.com/rosa.asp   http://www.sambenedettoggi.it/2009/04/22/71928/laquila-quando-il-calcio-usa-il-buon-senso/ ) ha curiosamente in rosa 8 ex giocatori del Morro d’oro della stagione 2008: Dario Ruben Bolzan, De Filippis, Di Sante, Villa, Sparacio, Giuliodori, Serafini e Taribello. Gli ultimi tre citati addirittura avevano cominciato anche questa stagione in corso vestendo  la maglia biancorossa fino allo scorso gennaio.  
 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 644 volte, 1 oggi)