CUPRA MARITTIMA – Ecco com’è andato l’ultimo consiglio Comunale della giunta Torquati, tenuto mercoledì 22 aprile con grande presenza di cittadini.

I primi tre punti hanno riguardato il polo scolastico: «Sostanzialmente – ha spiegato il sindaco Giuseppe Torquati – è stato approvato la schema di convenzione con l’Amministrazione provinciale nel quale, a fronte di un impegno economico da parte della provincia di Ascoli Piceno di un milione e seicento mila euro, l’Amministrazione si impegna a cedere alla stessa Provincia la proprietà dell’intero immobile compresa la corte destinata a scuola secondaria superiore».
Aggiunge Torquati: «Inoltre, in seguito agli aggiustamenti progettuali, è stata anche riformulata la convenzione da stipulare con il soggetto promotore. Si tratta quindi della conclusione di questo lungo iter che porterà a dare finalmente alla cittadinanza cuprense plessi scolastici moderni, sicuri e soprattutto dotati di ampi spazi e di attrezzature sportive che consentiranno agli alunni di godere a pieno, al di fuori delle ore curricolari di lezione, di uno spazio lontano dalle pericolose strade ad alta densità di traffico».
Altro punto importante è stata l’approvazione definitiva del nuovo Piano di spiaggia il quale, dice ancora il sindaco «dà risposte a quasi tutte le esigenze esposte dagli operatori del settore e mette a punto tutte le piccole incongruenze che si sono evidenziate con la messa in esercizio delle normative legate al piano di spiaggia vigente».
I punti successivi hanno riguardato la ridefinizione delle proprietà in due casi di ristrutturazione del centro storico. Il sindaco Torquati ha fatto presente, dal momento che diversi edifici esistenti sono stati abbandonati per moltissimi anni, che capiterà ancor di dover intervenire in questo senso se non altro per rettificare le inevitabili inesattezze causate dal passaggio tra il nuovo e il vecchio catasto.
È stata, inoltre, portata in Consiglio una variante parziale alla zona artigianale Boccabianca che è consistita in una permuta di aree tra la società Agefin e l’Amministrazione comunale. «Tale permuta – ha evidenziato il sindaco – consentirà di mettere a disposizione del quartiere Boccabianca un’ampia area verde che verrà completamente recintata e attrezzata con un campo di calcetto, illuminazione pubblica, giochi per bambini e panchine».
L’ultimo punto, infine, ha preso in esame la proposta che la società Vinci spa ha formulato ai fini di monetizzare la disponibilità dell’uso del piano terra della villa Vinci Boccabianca per complessivi dieci anni.
Ha affermato Torquati: «È preferibile che l’Amministrazione con tali introiti realizzi una propria struttura destinata a tutte attività di carattere sociale e culturale, come mostre, teatro, concerti a disposizione tutto l’anno piuttosto che avere per i rimanenti otto anni la disponibilità della villa per poi ritrovarsi senza alcuno spazio».
Nella delibera di approvazione è stato anche precisato che la struttura che si realizzerà dovrà dare spazio sia all’Amministrazione provinciale che al comune di Massignano nei modi previsti dalla convenzione attualmente in vigore.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 627 volte, 1 oggi)