SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si è svolta in un contesto animato, presso l’Oratorio di via Monte San Michele, l’assemblea del quartiere Sant’Antonio. Giorgio Fede, presidente del comitato, ha dovuto infatti più volte moderare un incontro che ha avuto come fulcro delicati argomenti quali il traffico, i parcheggi e l’ambiente.

Alla presenza dell’assessore ai Trasporti Settimio Capriotti, i residenti hanno potuto lamentare l’innumerevole presenza di automobili parcheggiate nelle strade interne del lungomare, proprio per colpa delle zone blu istituite su quest’ultimo.

«D’estate le vie nelle vicinanze si riempiono a prescindere dal parcheggio a pagamento. Non abbiamo perseguito questo percorso per un motivo di soldi, ma per una regolamentazione del traffico, per una riduzione degli incidenti». Una difesa che Capriotti ha avallato con un’ulteriore proposta: «Vorremmo far partire da Porto d’Ascoli un bus navetta che porti gratuitamente i cittadini in centro e viceversa, ogni venti minuti. In questa maniera eviteremmo l’intasamento delle zone sotto esame, venendo incontro anche al tema dell’inquinamento».

Una visione che ha convinto a metà la platea: «Bisogna chiudere il traffico in centro, sennò il senso della navetta viene a mancare. Senza un divieto di circolazione, nessuno lascerebbe mai l’auto per salire sul bus».

Al dibattito ha partecipato anche Paolo Canducci. L’assessore all’Ambiente ha potuto constatare con gli abitanti la situazione di degrado in cui versano alcune aree verdi, come ad esempio il parco di Via Lombardia: «La pineta ha subìto atti vandalici e i giochi installati sono stati devastati, tanto da diventare pericolosi per l’incolumità dei bimbi», hanno denunciato dalla sala. Ed ancora: «E’ inutile rinnovare la zona se poi, tra qualche mese, ci ritroveremo al punto di partenza. Ecco allora che è fondamentale un controllo costante dei Vigili Urbani, pure per quel che riguarda gli escrementi lasciati dai cani. Esigiamo multe ai padroni; la Polizia è troppo concentrata a sanzionare gli automobilisti, mentre sorvola su questi atteggiamenti deprecabili».

Canducci, da par suo, è sembrato conciliante: «Cambieremo immediatamente le panchine e i giochi danneggiati, seguendo il rinnovamento già attuato in Via Formentini. In quel caso investimmo circa 50 mila euro e credo che i costi saranno simili».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.363 volte, 1 oggi)