MONTEPRANDONE – Terza incomoda? Non proprio: Anna Maria Rupilli si candida, con la lista civica “La Nostra Città”, a diventare la prima donna sindaco di Monteprandone. Giovane (33 anni) ma molto determinata, l’avvocatessa punta molto sulla «discontinuità rispetto al passato: non siamo professionisti della politica, ma professionisti che prestano il loro tempo alla politica. Siamo apartitici, perché il nostro obiettivo è il bene comune».
Il programma della lista sarà illustrato specificatamente in un momento successivo, ma si tratta di un gruppo anagraficamente molto giovane: anche se la lista dei venti candidati consiglieri sarà comunicata in seguito, assieme alla Rupilli erano presenti, alla conferenza stampa indetta all’hotel Del Cavaliere, anche Cristiano Gasparretti (già attuale consigliere comunale nella civica di Calvaresi “Città per lo Sviluppo Futuro”), l’architetto Stefania Ficcadenti, gli imprenditori Eros Spinozzi e Roberto Di Girolami.
«Il nostro programma non è una politica distaccata dalle abitudini di vita, ma un movimento culturale che coinvolga tutti, e in maniera particolare le giovani generazioni» aggiunge la Rupilli.
Assieme a lei, Gasparretti ricorda «di essere ancora più convinto, rispetto a cinque anni fa, delle ragioni di una lista civica a Monteprandone, da troppi anni guidato dal centrosinistra». Spinozzi fa invece riferimento alla mancanza di servizi sociali: «Siamo quasi un quartiere di San Benedetto ma mentre un genitore di San Benedetto ha spazi dove far giocare i proprio bambini, qui quei pochi che c’erano sono stati sostituiti dal cemento, e ci sentiamo asfissiati».
Per maggiori informazioni, lanostracitta.info e 338.1067668.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 4.346 volte, 1 oggi)