Da Riviera Oggi 772 in edicola
ADRIATICA BITUMI BASKET CLUB SAN BENEDETTO-MACERATA 85-92
ADRIATICA BITUMI BASKET CLUB SAN BENEDETTO: Martinez 18, Mattioli 13, Valori 12, Christ 19, Ciccorelli, Falà 9, Grossi 9, Camerano 5, Bruni, Cameli.
All. Poggi
MACERATA: Marini 14, Mancinelli 6, Ercoli 9, Kaspersky, Cardinali 14, Sorgoni 17, Giulietti, Balestrieri 24, Baffetti, Nardi 8.
All. Di Giovanni
Arbitri: Campanelli (Monsano) e Pirro (Recanati)
Parziali: 17-25, 38-50, 63-65
Usciti per falli: Falà, Mattioli, Nardi

SAN BENEDETTO – Suicidio casalingo per l’Adriatica Bitumi Basket Club San Benedetto che perde 92-85 contro Macerata, già retrocessa, e si vede scavalcare da Jesi,
chiudendo la stagione al terz’ultimo posto. I rossoblu dovranno così giocarsi la salvezza direttamente nel secondo turno dei play out, dove affronteranno al meglio delle tre gare la vincente della serie tra Pedaso e Stella Maris Pesaro. Chi vince si salva, per la perdente c’è la partita secca di spareggio nel terzo turno. Ma se dalla serie superiore, la C1, dovesse retrocedere una squadra marchigiana (Cerreto è attualmente ultima), potrebbero essere condannate entrambe le formazioni che arriveranno all’ultimo atto dei play out. Un epilogo assolutamente inatteso della stagione della società sambenedettese, partita con l’obiettivo play off ma ritrovatasi ben presto alle prese con una incredibile serie di infortuni che
a turno hanno interessato praticamente tutti i titolari. La difficoltà ad adattarsi anche mentalmente alla nuova situazione di classifica e i contraccolpi di alcune decisioni arbitrali, in primis quella che ha portato alla squalifica del campo per tre giornate, hanno quindi fatto il resto.
Per il team di coach Nello Poggi si tratta ora di ritrovare la concentrazione necessaria per evitare una retrocessione che avrebbe il sapore di una beffa.
Costretta a giocare nella palestra della Ragioneria, a causa della concomitanza con il volley, e ancora priva del suo pubblico per la squalifica, l’Adriatica ha mostrato difficoltà soprattutto in fase difensiva, facendosi sorprendere da Macerata nei primi due quarti e subendo ben cinquanta punti, con otto tiri da tre (38-50). Contro un avversario privo di preoccupazioni di classifica, in quanto già matematicamente retrocesso, i padroni di casa hanno faticato a trovare tiri facili, perdendo molti palloni. Nonostante ciò, è bastato che Mattioli e compagni difendessero con maggiore concentrazione per rimontare lo svantaggio e chiudere il terzo quarto sotto di 2 (63-65). Quando ci si attendeva che l’Adriatica perfezionasse il sorpasso, ecco invece che Macerata ha approfittato delle ennesime amnesie dei sambenedettesi per piazzare un parziale di 19-7 che ha sprofondato i rossoblu a -14, 70-84 a 5’ dalla fine.
E’ stato Christ a provare a risollevare la squadra, dominando a rimbalzo e segnando i canestri necessari a risalire ancora a -2, 83-85. Due palloni persi in attacco hanno bloccato però l’ultimo tentativo di rimonta e Macerata non si è lasciata più sfuggire la vittoria. Con questa sconfitta l’Adriatica Bitumi ha chiuso la stagione regolare a quota 20 punti, con dieci vittorie e venti sconfitte, di cui ben otto giunte nelle ultime nove giornate. Sabato prossimo scatta il primo turno dei play out dal quale uscirà l’avversaria dei rivieraschi nella seconda serie, in programma tra due settimane, con prima gara sabato 10 maggio e seconda (PalaSpeca a porte chiuse) mercoledì 13.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 507 volte, 1 oggi)