SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sono oramai cinque le squadre che si contendono (per modo di dire) i tre posti che determineranno la retrocessione in Seconda Divisione. Una di queste retrocederà direttamente, mentre le altre quattro si sfideranno in due spareggi: le sconfitte retrocederanno anch’esse. Importante sarà, a quel punto, la classifica finale: la quint’ultima incontrerà la penultima, la quart’ultima invece sfiderà la terz’ultima. Chi è meglio piazzata in campionato giocherà la gara di ritorno in casa e con due pareggi (o con due risultati simili, ad esempio 1-0 e 0-1) si salverà.

CLASSIFICA ATTUALE Pro Sesto 31, Legnano 30, Lecco 29, Samb e Venezia 26
PROSSIMI TURNI
14ª giornata ritorno, 26 aprile: Lecco-Pro Sesto, Legnano-Verona, Venezia-Samb
15ª giornata ritorno, 3 maggio: Padova-Lecco, Samb-Legnano, Pro Sesto-Novara, Verona-Venezia
16ª giornata ritorno, 10 maggio: Legnano-Portogruaro, Pergocrema-Pro Sesto, Pro Patria-Samb, Lecco-Spal, Venezia-Ravenna
17ª giornata ritorno, 17 maggio: Portogruaro-Lecco, Ravenna-Legnano, Samb-Reggiana, Pro Sesto-Venezia

Venezia e Samb, ultime in classifica, hanno anche gli impegni più difficili. Due scontri diretti, due sfide contro squadre impegnate nella lotta promozione. Per il Lecco c’è la possibilità di contare sull’ultima partita, con un Portogruaro già in vacanza (che incontrerà il Legnano la giornata precedente). Stesso discorso per la Pro Sesto alla 16ª, anche se all’ultima giornata c’è la sfida con io Venezia. C’è da tremare.

Per la Samb l’impegno è difficile, ma considerando lo scontro diretto di Legnano e la trasferta in Laguna, persino un pareggio non sarebbe da disprezzare nella prossima trasferta, perché probabilmente garantirebbe ai rossoblu di giocarsi questa fetta di salvezza nelle due successive gare casalinghe.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.416 volte, 1 oggi)