MONTEPRANDONE – Il Pdl vuole la riscossa e con il suo candidato Paolo Puzielli, architetto che vive a Centobuchi, prova a sfidare Stefano Stracci del centrosinistra (alla contesa elettorale si unirà anche l’avvocato Anna Maria Rupilli).
«Puntiamo a vincere, e a modificare la situazione qui a Monteprandone, da troppi anni in mano al centrosinistra: tra gli obiettivi, sicuramente la cultura, perché ci sono molti artisti anche locali che non hanno trovato mai la giusta considerazione da parte delle passate amministrazioni. Sicuramente anche il tema della viabilità è da curare, con una serie di rotatorie lungo la Salaria che servano per snellire il traffico – ha detto il candidato sindaco – Non dimentichiamo che, in base alla nuova organizzazione territoriale della Asur vorremmo avere un presidio sanitario nella nostra città, oltre che un Centro Fiere».
Puzielli è un libero professionista e si occupa in particolare del Restauro dei Beni Culturali, e ha progettato e diretto i lavori, su indicazione del parroco don Francesco Ciabattoni, per il restauro dell’antica chiesa Madonna della Speranza, nel centro storico cittadino e terminata nel dicembre 2008, e ha realizzato il Museo di Arte Sacra con il recupero del monastero di San Leonardo, aperto nel luglio 2008.
«Voglio coinvolgere nella vita amministrativa i cittadini, le associazioni di categoria per proporre un cambiamento visibile nelle politiche cittadine» ha terminato il candidato, che era accompagnato, in questa presentazione, dal coordinatore provinciale del Pdl Vittorio Santori, il quale ha fatto riferimento alle divisioni della sinistra a livello provinciale tra Mandozzi e Rossi, e comunale tra Stracci, Ruggieri e Menzietti («Fanno gli amici ma si sono ficcati i coltelli nella schiena»). Una stoccata anche alle politiche regionali a livello regionale: «L’ospedale di San Benedetto è sicuramente il peggiore delle Marche per i servizi offerti, fatte salve le consuete pregevoli eccezioni» ha detto.
Puzielli sarà sostenuto anche dai consiglieri del Polo per Monteprandone Giuseppina Massi (per motivi personali non si ricandiderà) e Giandomenico Camilli, il quale invece farà parte della lista in appoggio a Puzielli: «Ho deciso di ricandidarmi perché il Pdl ha ripreso coesione e si è organizzato. Devo dire che in Consiglio Comunale ho notato un vero mancato rispetto per i diritti dei cittadini, e noi consiglieri di opposizione siamo valutati rappresentanti di cittadini di serie B. O fai come dicono, o non esisti». Camilli è stato indicato anche come coordinatore comunale del Pdl, mentre Katia Marocchi è stata designata sua vice.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.971 volte, 1 oggi)