SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dovrebbero terminare entro venerdì 24 aprile i lavori in corso al Cediser Arcobaleno (il “Centro diurno socio-educativo e di riabilitazione” in via Machiavelli 2), per l’adeguamento igienico-sanitario dei servizi ed una diversa e più funzionale distribuzione degli spazi interni. Il progetto, redatto dall’architetto Elio Rocco e dal geometra Ersilio Filiaci del settore Manutenzione e Qualità urbana, comporta una spesa di 46.500 euro da parte del Comune. L’intervento è stato sollecitato dall’assessore alle Politiche della città solidale Loredana Emili.
Il Centro ospita ogni giorno una media di 28 utenti, dalle ore 9 alle 17. Gli utenti sono persone in situazione di disabilità grave che hanno assolto l’obbligo scolastico, e l’obiettivo è quello di svilupparne l’autonomia personale e promuoverne l’integrazione sociale. Le attività principali dei Cediser sono la formazione pre-lavorativa (laboratorio di ceramica, laboratorio di tessitura), le attività individuali (laboratorio di informatica, laboratorio multimediale, interventi di igiene posturale, assistenza alla persona), le attività di gruppo (globalità dei linguaggi, laboratorio ludico-ricreativo, laboratorio espressivo), le attività sportive (nuoto, palestra), le attività socializzanti (mercatino settimanale, soggiorno estivo, uscite sul territorio e laboratori in esterno).
L’altro centro simile è il Biancazzurro. Entrambi sono aperti da più di dieci anni, e gli utenti complessivi sono 53.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 606 volte, 1 oggi)