ANCONA – Estendere lo stato di emergenza relativo al terremoto in Abruzzo anche al territorio della Provincia di Ascoli Piceno. E’ la richiesta ufficiale che, tramite lettera, il presidente della Regione Gian Mario Spacca ha inoltrato lunedì al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

La motivazione della missiva sta nel fatto che «la violenta crisi sismica che ha interessato l’Abruzzo, ha provocato notevolissimi risentimenti anche nel territorio della confinante provincia di Ascoli Piceno».

Ad oggi sono pervenute al Comando provinciale dei Vigili del fuoco, a parecchi Comuni ed alla amministrazione provinciale di Ascoli Piceno, 315 istanze per la verifica di agibilità. Numero destinato a crescere con il verificarsi di ogni nuova scossa. «Ritengo – spiega Spacca nella lettera a Berlusconi – che sia indispensabile assicurare parità di trattamento a tutte le situazioni di danneggiamento originate dalla crisi sismica, evitando di porre limitazioni territoriali ad un fenomeno che purtroppo non arresta la sua azione distruttrice sulla base dei meri confini amministrativi».

In conclusione Spacca assicura che «se necessario, ci sarà ogni possibile forma di collaborazione da parte delle competenti strutture organizzative marchigiane per utilizzare tutte le competenze e conoscenze acquisite nel corso del terremoto che nel 1997 interessò Umbria e Marche».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 971 volte, 1 oggi)