Ce l’ha fatta di nuovo Bologna. Ha definitivamente conquistato la gara del “ricorso Sutor”. Al termine dell’incontro, Cesare Pancotto, l’allenatore della Gmac Bologna, polemicamente ha tenuto a precisare: «Siamo l’unica squadra che per avere due punti deve fare due vittorie». Ma poi riconosce i meriti di questa Premiata Montegranaro che, dopo un inizio rallentato e spesso passata avanti ha conteso il match, punto a punto, al Bologna. «Complimenti a Montegranaro, che non molla mai, che non ti fa giocare. Vincere in questo modo dà grande soddisfazione».

Supportata da un pubblico foltissimo (i biglietti della serata sono stati venduti ai tifosi al prezzo simbolico di 1 Euro) e trascinante, la squadra di casa non ha mai mollato la presa. Le due formazioni hanno camminato fianco a fianco, giocando il tutto per tutto fino al terzo tempo supplementare, dove la freschezza di energie di giocatori fino ad allora non impiegati in modo frequente è stata la carta vincente degli avversari. I Gialloblu hanno avuto buone occasioni e una compattezza evidente, ma hanno pagato soprattutto gli errori ai tiri liberi (appena il 57% al quarto tempo, contro l’83% della Fortitudo). Una percentuale di poco superiore, infatti, avrebbe decretato la vittoria della Sutor già nei tempi regolamentari.

Commenta l’allenatore Alessandro Finelli: «E’ stata una bellissima partita. Entrambe le squadre hanno dimostrato solidità e leadership. Abbiamo visto belle giocate e una partita solida. Abbiamo utilizzato molto la zona per proteggere l’area, realizzando così poche palle perse e andando a vincere a rimbalzo. Anche le percentuali di tiro sono state buone, ma abbiamo faticato molto ai tiri liberi (62% al termine dei supplementari)». Con Vasileiadis inutilizzabile per un infortunio, il coach sutorino ha dovuto centellinare le energie fisiche e mentali dei propri giocatori chiedendo loro di gestire al meglio i palloni.

Nonostante gli sforzi enormi, i due “matematici” punti per la salvezza non sono arrivati. «Vado via rammaricato» ammette Finelli, «perché abbiamo giocato una partita punto a punto con 3 supplementari molto tirati. A 4 giornate dalla fine del campionato, quello che ci portiamo a casa oggi è lo spessore col quale abbiamo giocato, che ci servirà per le partite in casa». L’attesa dei tifosi è vedere bissati l’energia e lo spessore (non il risultato!) dei giocatori gialloblu, domenica 19 Aprile, contro la terza forza in campionato, la Lottomatica Roma.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 538 volte, 1 oggi)