SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Ora non ci sono più scuse. Per fare bene la raccolta differenziata, inizia il servizio di raccolta porta a porta della carta, del vetro, della plastica, delle lattine e dei metalli. Dalla seconda metà di maggio alle famiglie sambenedettesi sarà consegnato un kit annuale di sacchetti gialli e azzurri, rispettivamente per carta e tetrapak e per il cosiddetto “multimateriale”.
Funzionerà così. Per ogni quartiere c’è un giorno della settimana prestabilito, nel quale i residenti potranno lasciare i sacchetti di fronte all’ingresso dei loro condomini, sul ciglio stradale, rigorosamente nella fascia oraria che va dalle 20 alle 21:30. Il rispetto della consegna in questa fascia oraria è fondamentale per evitare di vedere i sacchetti abbandonati per terra. Appena conferiti, se tutto viene fatto a regola d’arte dai cittadini, i sacchetti verranno prelevati dagli addetti nel giro di un’ora e mezza.
Dal lunedì alla domenica, i mezzi della Picenambiente effettueranno la raccolta con questa modalità:
– lunedì: zona San Filippo Neri, via Dari, Colombo e Ballarin
– martedì: zona Sentina, zona est Mare Porto d’Ascoli
– mercoledì: zona centro San Benedetto e Paese Alto
– giovedì: zona centro Porto d’Ascoli e Ragnola
– venerdì: zona Sant’Antonio e viale De Gasperi
– sabato: zona Agraria
– domenica: zona Marina di Sotto, via Correggio, via Trento, via Volta, via Stamira

Oltre ai manifesti, alle campagne pubblicitarie, all’informazione nelle scuole, saranno realizzate 300 palette informative apposte sui pali della luce che indicheranno per ciascun quartiere il giorno stabilito per il conferimento e la raccolta.
I tradizionali cassonetti stradali per la raccolta differenziata non saranno eliminati del tutto, ma diminuiranno. Ugualmente, rimane pienamente attiva la possibilità di conferire i propri rifiuti differenziabili direttamente presso la ricicleria di Picenambiente, con le note agevolazioni fiscali sulla tassa dei rifiuti (fino a un massimo di sconto del 40% se si conferiscono 150 chili di materiali riciclabili per ciascun componente del proprio nucleo familiare).

Dopo l’estensione della raccolta dell’umido in tutta la città, parte così la seconda fase della campagna ambientale “Io amo Sbt Io riciclo”. L’obiettivo entro fine anno, dice l’assessore all’Ambiente Paolo Canducci, è il raggiungimento del 50% di raccolta differenziata sul totale dei rifiuti urbani prodotti. «Al 31 dicembre 2008 il tasso di differenziata si aggirava sul 24% del totale. Nei primi mesi del 2009, la raccolta dell’umido ha permesso di raggiungere l’incoraggiante tasso del 38%», afferma l’assessore dei Verdi.

Nel 2000, l’amministrazione Perazzoli provò per alcuni mesi a implementare la raccolta porta a porta, ma poi il progetto venne abbandonato dalla giunta Martinelli per motivazioni economiche. Oggi, sostiene Canducci, tutto sarebbe rodato al meglio: «Non si può prescindere da una raccolta differenziata importante. Nel 2009 abbiamo dovuto aumentare la Tarsu, seppur del 16%, perché la discarica di Relluce ha aumentato i costi per ogni chilo di rifiuti conferito in discarica. E li ha aumentati del 34%».

LE GABBIANELLE La raccolta di rifiuti nel centro città che permetterà la totale eliminazione dei cassonetti stradali dalla zona partirà con alcune settimane di ritardo, perché la ditta che fornisce i camion speciali “adattati” alla Picenambiente non è riuscita a rispettare la consegna. Ai primi di giugno si parte, assicurano in Comune, e solo quando i mezzi saranno disponibili inizierà la campagna informativa.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.287 volte, 1 oggi)