SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il cuore della città si apre ulteriormente per la solidarietà agli sfollati dell’aquilano. Sono giunti venerdì mattina a San Benedetto altri 120 terremotati, 70 dei quali hanno trovato ospitalità all’hotel Quadrifoglio, 50 all’hotel Maestrale in via Fosse Ardeatine, nel quartiere Sentina. I nuovi arrivati sono stati accolti da funzionari comunali della Protezione civile, membri della Croce rossa e Carabinieri, per il controllo delle generalità, e per la raccolta delle diverse esigenze, compresa la richiesta di cure mediche o psicologiche.

Al momento, tramite le istituzioni pubbliche (il coordinamento dello smistamento negli hotel è effettuato dalla Prefettura), risultano arrivati a San Benedetto oltre 200 terremotati, ai quali vanno aggiunti coloro che si sono stabiliti in Riviera privatamente, presso case di proprietà, o presso amici e parenti.

Tutti i terremotati indistintamente, in qualunque città si siano stabiliti, sono invitati a comunicare la propria presenza presso la più vicina stazione dei Carabinieri o presso la Polizia Municipale, altrimenti corrono il rischio di essere considerati “dispersi”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 417 volte, 1 oggi)