MARTINSICURO – Anche la città truentina si mostra solidale con le vittime del terremoto dell’Aquila, ospitando al momento circa 150 sfollati nelle proprie strutture alberghiere.

«Siamo stati contattati dalla Protezione Civile che ci ha chiesto la disponibilità di ospitare le vittime del terremoto – ha spiegato Pier Francesco Ciaralli, presidente della Martintour -. Al momento i primi che giungono saranno alloggiati negli alberghi già aperti tutto l’anno, e poi man mano che ci sarà esigenza anche in quelli stagionali e nei bed & breakfast, che però necessitano di qualche giorno di riorganizzazione per poter riaprire».

Già nella serata di ieri sera lunedì 6 aprile al Park Hotel sono arrivate infatti 55 persone, mentre per oggi è previsto l’arrivo di altre 50 persone all’hotel Casale e di circa una trentina al Nevada, struttura ricettiva stagionale e che si sta freneticamente organizzando a stretto giro di tempo per preparare le camere che dovranno ospitare le vittime del terremoto.

«Qualora i posti negli alberghi disponibili non fossero sufficienti – ha aggiunto Ciaralli – è stata valutata anche l’ipotesi di utilizzare gli appartamenti sfitti messi a disposizione dalle agenzie immobiliari. Ma ci sono anche privati cittadini che ci hanno contattato per proporre di ospitare nelle loro seconde case vuote i nuclei familiari dei senzatetto».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.457 volte, 1 oggi)