dal settimanale Riviera Oggi in edicola
Serie D: Kirby – SdS Color Montecassiano 3-1 (25-20, 21-25, 27-25, 25-16).
Sabato sera alla palestra delle scuole Moretti, si sarebbe dovuto vietare l’ingresso ai cardiopatici. Nella gara dei play-off disputata dalla Kirby contro il Montecassiano, si è verificato di tutto: contestazioni, pubblico insofferente e troppo coinvolto, liti, allontanamenti di tifosi focosi, sospensione del match per “eccessiva sudorazione” del campo di gioco.
E dire che tutto è iniziato con un set apparentemente tranquillo per i primi minuti. La Kirby, ben sapendo di giocarsi forse l’ultima occasione di rimanere agganciati alla testa della classifica, parte intensa e convinta. Va subito in vantaggio, ma la formazione avversaria, supportata dal proprio pubblico dà avvio all’insofferenza verbale, contestando l’arbitraggio. Peccato che poi non possa recriminare altro, visti i punti ottenuti per merito dalla squadra di casa. Nulla da fare per il Montecassiano: il set si chiude sul 25-20.
Il secondo parziale si gioca in modo più equilibrato. Battendosi punto a punto, le due squadre arrivano fino al 17-17. Qui i ragazzi di Andrea Raffaelli concedono un break di 3 punti agli ospiti che non verrà recuperato. Il Montecassiano pareggia i conti sul 21-25.
Nel terzo set si spendono le migliori energie della partita. E si materializza il pathos che vivono i sambenedettesi e i loro sostenitori. Parte grintosa la Kirby, mettendo in difetto gli avversari: non vengono concessi contrattacchi e la ricezione è solerte. Sul 17-10, però, il consistente vantaggio viene man mano scemando. Si arriva in parità sul 19-19. Poi, una serie di break e contro break porta la Sds Color a 24-23. Ma il 25° punto non arriva, grazie ad un errore al servizio del Montecassiano. Le due squadre viaggiano su binari paralleli fino al 25-25. Ma gli avversari, provati dalla tensione, regalano qualcosa di troppo alla Kirby. E quel qualcosa di troppo è proprio il set (27-25).
Il quarto set è quello decisivo, ma contrariamente a quanto ci si aspetterebbe, i ragazzi di Raffaelli partono in sordina. In un certo senso, appagati dal buon lavoro precedentemente svolto, sembrano non ricordare che la SdS Color, è in odore di promozione diretta e si sta giocando il primo posto in classifica. Per fortuna, si ridestano e guadagnano un discreto vantaggio. Con Tavoletti in battuta, che non apprezza le gratuite offese di un tifoso avversario, scatta la rissa. L’incontro viene fermato e allontanati gli sgraditi ospiti. Si riprende e i sambenedettesi spingono il vantaggio fino al 17-9. Ma l’umidità è in agguato e sul 20-12 il Montecassiano lamenta un’impraticabilità di campo. Si richiede l’interruzione dell’incontro per tutelare l’incolumità della squadra. Gli arbitri, dopo dieci minuti di consultazione, decidono fortunatamente di far proseguire il match. La Kirby può così portare a compimento l’impresa. La vittoria esplode sul 25-16.
Se da un lato è da registrare l’ottima prestazione di Netti, in doppia cifra con 21 punti, dall’altro si deve rendere merito a tutta la squadra che ha lavorato intensamente per più di due ore e in condizionamenti psicologici esterni non certo ottimali.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.204 volte, 1 oggi)