ASCOLI PICENO – Nessun danno di rilievo nelle province marchigiane di Ascoli Piceno e Macerata per lo sciame sismico che ha provocato crolli e devastazioni all’Aquila. Tantissime le chiamate giunte ai centralini dei vigili del fuoco, che insieme agli uffici tecnici dei Comuni stanno smaltendo alcune decine di verifiche statiche. Le più numerose nel centro di Ascoli, come nella Chiesa di Santa Maria della Carità, dove sono segnalate fessurazioni e distacchi di intonaco all’altezza della volta. Altre richieste di sopralluogo riguardano edifici del circondario – Folignano, Castel di Lama – ma anche di Porto Recanati, Castel Sant’Angelo sul Nera e Gualdo, nel maceratese.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.320 volte, 1 oggi)