Dalla sala stampa Sabatino D’Angelo

Abbonati 1190, quota abbonati 6.124,14; paganti 624 per 8.019 euro

Condizioni Palladini e Cammarata: entrambi avrebbero subito dei colpi e non ci sarebbero quindi degli stiramenti.
MISTER VENTURATO Sapevamo che la Samb al di là delle difficoltà societarie è molto amata dal pubblico e i giocatori avrebbero dato tutto. Siamo venuti con molta umiltà cercando di sfurttare uno due attaccanti, nel primo tempo non abbiamo sfruttato le occasioni, mentre dopo il gol nella ripresa la Samb non ha avuto la forza di reagire.

Viali ha avuto un po’ di problemi nel primo tempo, per questo l’ho sostituito. Il nostro campionato? Dobbiamo cercare di avere il massimo ogni domenica, ce la giochiamo fino alla fine con la giuta umiltà. I play-off? La matematica non ci condanna, abbiamo vinto due gare di fila, sabato prossimo incontriamo il Padova in uno scontro diretto, ce la giochiamo.

FIETTA Anche nel primo tempo eravamo tranquilli, loro ci hanno aggrediti molto bene con Cammarata che sapeva farli salire. Ma non ho mai visto la squadra in apprensione come avveniva in passato e la gestione del risultato nella ripresa sia stata ottima.

CREMONESI Nel primo tempo eravamo in difficoltà perché andavano su tutti i palloni, mentre nella ripresa anche dopo aver trovato il gol avevamo le linee corte ed è stato più facile difendersi. Era da tanto che non vincevamo così in trasferta, ma abbiamo gestito bene la palla una volta in vantaggio, cosa che non era avvenuta in passato. Ora ci aspetta una gara difficile, speriamo di festeggiare un’altra vittoria sabato prossimo.

TINAZZI Siamo partiti bene, determinati, ottimo primo tempo senza sfruttare quel paio di occasioni, una clamorosa con Pippi. Abbiamo concesso mezza occasione e abbiamo subito gol, come avvenuto con Ravenna e Padova. Nella ripresa abbiamo perso due giocatori importanti come Palladini e Cammarata, tra l’altro, e ci sono mancati. Dispiace perché le altre hanno perso tutte, era un’occasione importante. E’ normale che giocatori che non giocavano da tempo possono avere un calo fisico, ci mancano giocatori importanti davanti come Morini e Titone. Mancava la grinta? Non credo, forse nel secondo tempo, ma nel primo tempo eravamo molto determinati. Dopo la loro rete, hanno saputo far girare la palla e noi abbiamo faticato a riportarci davanti. E’ un problema di squadra e dobbiamo lavorare ancora di più, non abbiamo alternative. Adesso, dalla Pro Sesto al Venezia, abbiamo tutti scontri diretti: dobbiamo cercare di dare il massimo.

D’ADDERIO Come a Padova, dopo un buon primo tempo, sul secondo gol ci siamo spenti, lo stesso è accaduto oggi. Vivere per ricercare il risultato e poi, alla prima occasione offerta agli avversari e riuscire a far gol questo ammazzerebbe anche un toro, soprattutto perché i ragazzi stanno lottando. Anche il pareggio non serve, ma sarebbe servito sia con Ravenna che oggi. Giocare ai ritmi del primo tempo se non si ha una base diventa difficile proporlo per tutti i novanta minuti. Perdere due giocatori fondamentali come Palladini e Cammarata per noi è determinante. Resta il rammarico soprattutto perché forse non riesce a spiegarmi a quello che accade quello di noi. Noi giochiamo per vincere la domenica, abbiamo perso 3 partite su 4 subento quattro tiri in porta, a Padova, Ravenna e oggi avete visto cosa è accaduto. Quando si prendono gol così dopo aver speso tanto, diventa difficile. Se il gol lo si fa, si arriva a tremila, se non si fa, tutto va contro.

Caccavale ha sbagliato? Contro il Ravenna non ha sbagliato lui ma altri tre giocatori che dovevano andare sulla palla. E’ sbagliato trovare il colpevole è sbagliato, trovare lui che sbaglia è diverso. Penso che sia stato più sbagliato che è mancato il contrasto fuori area che il rinvio di petto. Con un po’ di cattiveria Lanzoni invece di far fallo, che non ha fatto, l’avrebbe subito con un pizzico di esperienza in più. Sarebbe deleterio e poco rispettoso da parte mia individuare delle colpe. Palladini e Cammarata? Se ne avessi 20, sarei in difficoltà, anche se Palladini oggi è stato meno brillante ma resta un simbolo. Senza Cammarata abbiamo fatto fatica a Cesena, speriamo che sabato rientri. Pensiamo a Magnani, in altre situazioni sarebbe andato in panchina, ha dovuto giocare per forza. Spero di recuperarne qualcuno per Sesto San Giovanni. Titone? Spero anche lui ce la possa fare, io purtroppo l’ho avuto solo alla prima partita.

CAMMARATA Era una partita equilibrata, abbiamo giocato un buon primo tempo ma non dobbiamo abbatterci. Lo spogliatoio è unito, dobbiamo lottare assieme per la salvezza. La mia sostituzione? Ho preso una ginocchiata, la coscia mi faceva male e sentivo tirare, ma per sapere di che si tratta occorrerà aspettare.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 967 volte, 1 oggi)