MONTEPRANDONE – In attesa di risolvere il contenzioso giudiziario delle quote societarie (la sentenza del tribunale di Ascoli è prevista per il 17 aprile), tra la società di Marocchi tornato al comando e quella di Mongardini (Luigi Fiori) che a novembre aveva preso le redini, nella 29a giornata di serie D che verrà anticipata a sabato il Centobuchi in piena zona play out ospita al Comunale una delle sorprese migliori di questo torneo, l’Olympia Agnonese (attualmente quarta in classifica).

Prima il ribaltone con il gruppo Mongardini rimosso compreso il tecnico Roberto Pruzzo e il diesse De Nicola, con il ritorno della vecchia gestione con Claudio Marocchi amministratore, Paoletti presidente, Cicchi direttore sportivo e Izzotti allenatore.

Quindi dopo il ko di Macerata le incomprensioni tra la società e i sette giocatori che erano stati acquistati da Mongardini, cioè Amoroso, Delfino, De Prezzo, Fondi, Ingribelli, Pagano, Pierantozzi, tanto che due di essi (Ingribelli e Pagano) avevano avuto sabato scorso uno scontro fisico all’esterno del Comunale con gli steward che non volevano farli entrare.  I giocatori in questione non sono stati convocati per ordine della società per la trasferta all’Helvia Recina.

Poi sono arrivate le clamorose dimissioni del tecnico Domenico Izzotti legate sembrerebbe a una questione di mancate garanzie tecniche vista l’esclusione dei sette giocatori e alcune dichiarazioni lette sui giornali non gradite. In effetti, il Centobuchi senza quei sette giocatori indipendemente dal loro valore che si può discutere o meno, in un momento già di per se delicato, numericamente parlando come materiale umano a disposizione perderebbe molto soprattutto davanti e farebbe difficoltà a centrare il traguardo prefissato della salvezza.

Al posto del tecnico abruzzese il diesse Cicchi ha chiamato Gaetano Fontana, l’ex giocatore di Ascoli (dove tornò per chiudere la sua carriera nel 2007 e dove tuttora abita), Fiorentina e Napoli, che da pochi mesi ha intrapreso la professione di allenatore, ma vanta una grande esperienza sui campi di gioco.

Tornando alla partita di sabato i biancocelesti, che arrivano dal pareggio interno con il fanalino di coda Grottammare e dalla già citata sconfitta contro la Maceratese terzultima, tra le mura amiche hanno finora totalizzato 17 punti in 14 gare casalinghe frutto di 4 successi, 5 pareggi e altrettanti ko, mentre di contro l’Agnonese che arriva dalla sconfitta interna con il Casoli, in trasferta  viene da 2 vittorie consecutive (contro Tolentino e Santegidiese) e ha totalizzato 16 punti in 14 gare esterne frutto di 5 vittorie, 1 pareggio e 8 sconfitte.

All’andata sul sintetico del Comunale di Agnone (Isernia) si imposero i padroni di casa per 2-0. Anche la sfida della scorsa stagione al Comunale di Centobuchi la vinsero i Molisani per 0-1. Il Centobuchi oltre agli squalificati Corradetti e Smerilli dovrebbe fare a meno dei sette giocatori già citati e dell’infortunato Croceri. Nella formazione granata invece tutti a disposizione del tecnico Agovino tranne lo squalificato Spagnuolo.  Dirigerà l’incontro il signor Alessandro Dolcini della sezione di Roma 1. Questi i possibili schieramenti:

CENTOBUCHI: Freddi (Albanesi), Alessandrini (Trasatti), Coccia, Vitone (Croceri), Erbuto, Marranconi ,Cesani, Simoni, Cardinali, Francia, Frinconi. All. Fontana

AGNONESE: Rimi , Pifano , Litterio , Tammaro  , Ciarlariello, Spagnuolo , Orlando , Partipilo, Aquaro , Siciliano  Di Vito . All. Agovino

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 797 volte, 1 oggi)