CUPRA MARITTIMA – «È stata la Regione a decidere la demolizione dei moli e io non mi sono apposto». A parlare è il sindaco di Cupra Giuseppe Torquati che, durante la seduta del consiglio Comunale del 2 aprile, spiega chi e perchè ha lasciato che gli scogli ai quali i cuprensi erano affezionatissimi venissero eliminati: «Si tratta del programma di rifacimento delle scogliere delle Genio Civile Opere Marittime di Ancona. Era previsto dalla Regione appunto che anche questo molo venisse abolito. Io non li ho fermati perchè, pur essendo anche io un nostalgico affezionato a quel molo, mi sono reso conto che la situazione igienico sanitaria non era più sostenibile».

Aggiunge Torquati: «Tra gli scogli si era formata una melma e inoltre non erano più sicuri dato che ci sono stati episodi in cui gli stessi scogli stavano cedendo. Spero quindi che l’amministrazione futura si occupi di ricostruirlo in modo più sicuro».

Tra gli altri punti all’ordine del giorno del Consiglio Comunale, sono state confermate le aliquote Ici nella stessa percentuale del 2008 (ovvero 7 per mille e 4,50 per mille), ma il tasto dolente per i cittadini è stato l’annunciato aumento della Tarsu, causato da un aumento dell’Ecotassa da parte della Regione e un ulteriore aumento richiesto da parte della discarica di Relluce.

Durante la seduta del consiglio sono stati presentati i lavori pubblici per il triennio 2009-2011 e il bilancio di previsione del 2009. Tra le opere in programma troviamo il termine dei lavori per la pista ciclabile sia nel tratto del centro di Cupra, sia nel tratto che va fino a Grottammare, l’adeguamento della casa di riposo, la messa in sicurezza dell’area dedicata alla piccola pesca, il rifacimento delle scogliere.

Questi lavori prevedono un sostanzioso finanziamento da parte dei privati, poiché, come spiega il sindaco: «Per realizzare delle opere pubbliche occorre studiare delle forme di collaborazione con i privati, altrimenti, a meno che la situazione generale non cambi, sarebbe impossibile portarle a termine. Mancano le risorse».

Il prossimo consiglio comunale è previsto per il 22 aprile e sarà l’ultimo dell’amministrazione Torquati.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.000 volte, 1 oggi)