Da Riviera Oggi 768 in edicola. Nel numero 769 in edicola altri articoli sulla Polisportiva Picena Non Vedenti
ASCOLI PICENO – Si avvia verso la conclusione, la prima esperienza della Polisportiva “Picena non Vedenti” nel Campionato Italiano Paralimpico di serie “C” di Torball.
La stagione ha chiuso i battenti il 22 marzo quando i ragazzi della squadra hanno affrontato l’ultima tranche di competizioni in quel di Latina. La Polisportiva, era al quinto posto in classifica generale, con 18 punti all’attivo e a 5 punti di distacco dalla 3 della classe, ossia l’ultima posizione utile per accedere alla serie “B”.
La squadra si è formata quest’anno quindi «indossare questa maglia è stata per me una grande emozione – commenta Carlo, atleta della Polisportiva – e poter far parte della squadra della propria provincia mi rende più orgoglioso e mi dà più grinta. Io credo, ma penso che sia per tutti così, un ringraziamento di cuore va fatto al nostro allenatore, Giovanni Palumbieri, che con il suo impegno e con la sua tenacia ha reso possibile la nascita di questo gruppo meraviglioso, dimostrandoli il nostro ringraziamento con i risultati fin ora ottenuti».

Nell’ultima giornata di campionato, la compagine ha incontrato storiche formazioni: Foggia, Frosinone e i padroni di casa del Latina, per concludere con l’incontro più atteso e decisivo, al cospetto dell’Aquila, la terza forza del girone.
«Non posso che ritenermi soddisfatto dei risultati ottenuti sinora dai ragazzi – commenta l’allenatore Giovanni Palumbieri – li ringrazio per l’impegno che ci ed i sacrifici. Ringrazio anche le proprie famiglie, che si sacrificano con loro, accompagnandoli in Ascoli. Ringrazio inoltre gli sponsor tecnici, Fainplast–Sabelli e l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti sezione provinciale di Ascoli Piceno che ci permettono di affrontare le costose trasferte».
«In questi contesti – continua l’allenatore – lo sport è fondamentale, dato che, oltre ad essere uno strumento di integrazione ed aggregazione permette a molti ragazzi con disabilità visiva di confrontarsi con atleti di maggiore esperienza, ma soprattutto di far parte di una squadra, per difendere e portare in alto i colori della propria città.
Qualunque sia stato l’esito finale di questo Campionato la Polisportiva “Picena non Vedenti” ha comunque già scritto una delle pagine più belle nella storia dello sport piceno e paralimpico, ricevendo i complimenti da tutte le altre squadre, veterane, di questa competizione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 533 volte, 1 oggi)