SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dal 1991, a Milano, nel mese di marzo e per un periodo di sette giorni, il C.O.E. (Centro Orientamento Educativo) organizza la manifestazione denominata “Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina” con una selezione di film provenienti dai tre continenti. Dal 2002 il Circolo Culturale Africa organizza, nei giorni immediatamente successivi al Festival di Milano, una sorta di “Dopofestival” ad Ancona, portando nelle Marche film, documentari e registi d’oltreoceano.

Da qualche anno poi il “Dopofestival” si è allargato; il Circolo Africa ha coinvolto altre Associazioni delle Marche ed i documentari africani sono arrivati a Macerata e Fano. Al fine di consolidare i rapporti di collaborazione tra le associazioni della Regione, ma soprattutto di dare la possibilità ad un maggior numero di persone di venire a conoscenza di realtà cinematografiche e non solo provenienti dall’Africa, dall’Asia e dall’America Latina, quest’anno l’Associazione Radici Migranti, grazie alla collaborazione con il Circolo Culturale Africa di Ancona e con l’ Associazione Millevoci di Fano, per la prima volta porta il “Dopofestival” nella provincia di Ascoli Piceno, a San Benedetto del Tronto.

L’iniziativa, che gode della collaborazione della Fondazione Libero Bizzarri, del patrocinio del Comune di San Benedetto e della Provincia di Ascoli Piceno, è un’occasione d’incontro e conoscenza dei temi e dei linguaggi di nuove cinematografie per lo più sconosciute al pubblico italiano. Si moltiplicano gli sguardi sulle cinematografie più nascoste per stimolare un dialogo interculturale. La presenza al festival di registi dei tre continenti costituisce un’opportunità di scambio professionale con operatori del settore d’Italia e d’Europa, nonché l’opportunità di stimolare coproduzioni Sud-Sud. Con il coinvolgimento delle realtà cinematografiche d’Asia e d’America Latina si ambisce, infatti, a dare un nuovo impulso al cinema africano sia in termini di sviluppo economico della produzione che dell’inserimento dei professionisti.

Il Dopofestival si svolgerà nei giorni 30, 31 Marzo e 1 Aprile presso l’Auditorium Comunale di San Benedetto del Tronto; le proiezioni avranno inizio alle ore 21.30. I lavori presentati al Dopofestival di San Benedetto del Tronto saranno il cortometraggio “Le tableau” del regista marocchino Brahim Fritah (Marocco-Francia 2008); il cortometraggio “Goulili” della regista algerina Sabrina Draoui (Algeria-Francia 2008); “Via Anelli- La chiusura del Ghetto”(Italia 2008) di Marco Segato; “Akiongea, He’s talking”(Italia-Kenya 2008) di Piero Pezzoni; “Jajan”(Turchia 2007) del regista turco Haydin Sayman; “La terza classe”(Italia-Turchia 2009) del regista turco Taha Feyizli.Al termine delle proiezioni è previsto un dibattito con i giovani registi presenti in sala, i quali presenteranno i propri lavori.
Il costo del biglietto per una serata è di 5 Euro (Riduzioni: 2 serate 8 Euro; 3 serate 12 Euro ). Sarà inoltre possibile durante la serata sottoscrivere la tessera associativa che ha il costo di 10 Euro; la tessera, che è valida per un anno, permette di sostenere le attività dell’Associazione e dà diritto a partecipare a tutti i corsi/seminari/laboratori/attività organizzate dall’Associazione.Parallelamente alle proiezioni serali la Fondazione “Libero Bizzarri” terrà, insieme ai registi d’oltreoceano, dei seminari/laboratori pomeridiani presso la propria sede (Via Gronchi, 11-quartiere Agraria). I seminari si svolgeranno nei giorni 30 – 31 Marzo e 1 Aprile dalle ore 16.30. La partecipazione ai seminari è libera e gratuita e vedrà la partecipazione degli studenti dell’Accademia Internazionale del Documentario “Libero Bizzarri”.
Per informazioni è possibile rivolgersi a Manuela Pulcini al 3288288051 o Lorena Fioravanti al 347598900.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 875 volte, 1 oggi)