MONZA – Per la prima volta il presidente della Samb Gianni Tormenti non ha seguito la Samb, e, forse inaspettata vista la situazione, ecco arrivata la vittoria. Il direttore generale Maurizio Natali, però, dedica «la vittoria al presidente che non c’era, per la prima volta non ci ha seguito. I ragazzi da tre settimane provavano a vincere ma forse era meglio, contro Padova e soprattutto Ravenna, vincere piuttosto che giocar bene. Qui a Monza non abbiamo rubato nulla, forse potevamo anche pareggiare ma il nostro portiere, al di là di due uscite avventate, parate non l’ha fatte. Le altre vincono? Noi pensiamo alla Cremonese che deve venire a San Benedetto. Se questi tre punti serviranno a placare le polemiche? Se la società ha scelto la linea non crediamo che torni indietro perché abbiamo vinto una partita».
Tra i giocatori, Ottavio Palladini ha tentato due volte la via della rete: «Nel primo tempo un avversario ha deviato la mia conclusione, altrimenti avrei segnato. Ad ogni modo abbiamo fatto una grande prestazione e vinto su un campo difficile: adesso non dobbiamo mollare e dobbiamo continuare su questa strada, sul percorso avviato già dalla gara di Padova. Oggi, finalmente, raccogliamo i risultati: forse le motivazioni sono aumentate, visto quello che è accaduto, ma noi dobbiamo onorare il campionato con professionalità e passione. Lavoreremo duro – continua Ottavio – e speriamo che all’esterno si riesca a trovare la soluzione migliore. Adesso pensiamo alla Cremonese».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.850 volte, 1 oggi)