TERAMO – Maxioperazione della Polizia Amministrativa di Teramo che ha portato in seguito a numerosi controlli in provincia alla chiusura immediata di cinque centri di raccolta scommesse (due a Teramo, uno ad Atri, uno a Sant’Egidio alla Vibrata e uno a Campli), mentre sono state avviate le procedure per la chiusura di altre due attività, considerate illegittime perché prive della relativa licenza.

In base alle disposizioni di legge infatti, per poter esercitare l’attività di raccolta scommesse è necessario ottenere la relativa licenza della Questura, che viene rilasciata solo sotto il controllo dell’Azienda Autonoma dei Monopoli di Stato.

I centri scommesse chiusi dal Questore  risultano invece tutti collegati alla Stanley Bet di Londra, soggetto privo di concessione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.101 volte, 1 oggi)