SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nella raffinata cornice dei locali del ristorante “Messer Chichibio” si è tenuta la prima edizione del memoriale dedicato alle figure diventate ormai storiche per la città di Adriano Ceccarelli, storico gestore del “Gran Caffè Sciarra” per oltre un ventennio e di Emidio Galiè, indimenticabile insegnante all’Istituto Alberghiero.

Per onorare la figura dei due protagonisti della città legata alla ristorazione si sono scelti sei barman tra ex dipendenti del Caffè e studenti dell’Alberghiero. Sono Simone Di Leonardo, Alessio Savino, Carlo Mori, Giuseppe Scaramucci, Massimiliano Camela e Renato Giammarini.

Campo di prova è stato il “Gran Caffè Sciarra” dove durante tutto il pomeriggio di mercoledi i concorrenti si sono dati da fare a colpi di shaker, ghiaccio tritato, e chi più ne ha più ne metta. Alla fine gran serata di gala e premiazione presso il ristorante “Messer Chichibio”. A fare gli onori di casa Stefano Renzetti, barman professionista che non ha usato parole tenere per la propria categoria facendo rimarcare, tra l’altro, come spesso si sia costretti a lavorare in locali più preoccupati dell’incasso che del servizio.

Sponsor della manifestazione oltre alle due famiglie, tra le quali erano presenti, tra gli altri Patrizia Ponzio, vedova Galiè e Manuela Ciccarelli, figlia del compianto Adriano. Presenti anche il vice sindaco Antimo Di Francesco, il presidente della Provincia Massimo Rossi, il vicepresidente del Consiglio Provinciale Pasqualino Piunti, il presidente del Consiglio Comunale Giulietta Capriotti, il consigliere di Grottammare Raffaele Rossi e Nicola Latini, ex preside dell’Alberghiero.

Alla Cooperativa Piceno Food and Beverage il compito di fornire i liquori necessari ed al prof. Alessandro Capriotti, docente all’Alberghiero, l’assistenza “tecnica”. La gara era divisa in due distinte categorie : i drink “Afterdinner” (a base di caffè) per il Memorial Galiè e quelli “Sparkling” (Nettare di frutta fresca e spumante) dedicati alla memoria di Ceccarelli.

Vincitori sono risultati Simone Di Leonardo per un “AfterDinner” a base di di caffè espresso, crema di whisky al caramello, Varnelli al caffè, sciroppo di cocco e panna liquida in superficie. Renato Scaramucci ha avuto la meglio nel settore “Sparkling” con un suo drink contenente ananas centrifugata, Passoã (liquore a base di frutto della passione), Grand Marnier, vodka alla vaniglia e spumante secco. Secondi classificati sono risultati Carlo Mori e Renato Giammarini. Tutti gli altri terzi a pari merito.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.011 volte, 1 oggi)