ASCOLI PICENO – Grande successo per la lettura scenica e la rappresentazione teatrale de “La cantatrice calva”. A presentare quest’opera di Ionesco, un’autore tra i più originali degli inizi degli anni 50, sono state alcune studentesse del liceo delle Scienze Sociali Trebiani di Ascoli, nell’ambito della “settimana francese” voluta dall’Alliance Française.

Le ragazze della classe ad indirizzo spettacolo, seguite dalle loro insegnanti Roberta Sperantini ed Isabella Galiffa, per un momento hanno assunto la parte di personaggi-fantoccio dai dialoghi incoerenti e banali dove si accumulavano luoghi comuni in un crescendo fino ad arrivare al “non senso puro”. L’effetto è stato insieme comico e straniante proprio come voleva questo rinnovatore del teatro francese. Tra le protagoniste della lettura recitata in lingua e della messa in scena anche 3 giovani abruzzesi: Maura Federici ed Emily di Francesco entrambe di Sant’Egidio alla Vibrata ed Alessia Huenchunir di Martinsicuro.

Maura commenta: «Il francese è una lingua che mi piace molto. Non ho avuto nessuna difficoltà nel presentare questa lettura. Ho sempre desiderato recitare e forse lo farò anche da grande». Per Emily «E’ iniziato tutto con un compito scolastico. Io ed Alessia, entusiaste, abbiamo pensato ai costumi e ai gesti che avrebbero reso di più l’azione recitativa e i personaggi ed eccoci qua. Sicuramente è un’esperienza che rifarei.

«Sono 3 anni che prepariamo questo dialogo di Ionesco – ci racconta Alessia – sempre in modo diverso e in maniera coinvolgente. E’ stato abbastanza complicato recitare nei panni di un uomo, ma pure una grande soddisfazione».

Gli appuntamenti con la “settimana francese” si concluderanno mercoledì primo aprile, sempre alla Rinascita con la proiezione di un film scelto tra i più rappresentativi del cinema francese.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.362 volte, 1 oggi)