ANCONA – La giunta regionale ha approvato l’accordo fra le Regioni aderenti al NITp (Nord Italia Transplant program) per il rinnovo del patto collaborativo per l’ulteriore sviluppo delle attività trapiantologiche. Il programma NITp è finalizzato alla realizzazione delle attività di donazione e trapianto di organi tessuti e cellule nel rispettivo territorio, secondo i criteri di eccellenza clinica e di equità di accesso.

La Regione Marche aderisce al Centro interregionale di riferimento NITp (con sede al Centro trasfusionale e di immunologia dei trapianti dell’Irccs Ospedale Maggiore, Policlinico, Mangiagalli e Regina Elena di Milano) già dal 1988 e lo stretto rapporto con la struttura ha permesso una costante evoluzione nel settore fino alla realizzazione a Torrette di Ancona del nuovo Centro trapianti di fegato, rene e pancreas. «Alla luce dei risultati raggiunti – spiega l’assessore alla Salute Almerino Mezzolani – è emersa la necessità di dare ulteriore sviluppo al settore rinnovando nel rispetto delle varie programmazioni regionali, il patto collaborativo tra le Regioni del NITp per un ulteriore sviluppo delle attività trapiantologiche e stabilendo una articolazione più organica con la costituzione di un tavolo di consultazione permanente. Lo scopo – conclude l’assessore – è quello di garantire la massima omogeneità nell’applicazione delle normative concordate dalla Conferenza permanente tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome e la massima trasparenza nelle attività di donazione e trapianto di organi, tessuti e cellule».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 416 volte, 1 oggi)