SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il Parco Marino del Piceno si fa o non si fa più? Una volta espletati i passaggi politici e burocratici, l’istituzione definitiva dell’area marina protetta passa dal ministero dell’Ambiente, nei cui palazzi però la pratica sembra giacere a tempo indefinito.

Il movimento Cittadinanzattiva chiede coerenza alle forze politiche del territorio, mettendo in evidenza che l’appoggio alla costituzione del Parco negli ultimi anni è stato bipartisan e che ora sarebbe incoerente e inopportuno che ci si tirasse indietro. In una nota, il movimento scrive: «Sino ad oggi sono stati spesi soldi dei cittadini per convergere verso un obiettivo condiviso in silenzio dagli opposti schieramenti politici i quali hanno formalmente accettato un percorso di indirizzo politico. Non vorremmo che a ridosso della imminente campagna elettorale alcuni soggetti politici si vedessero fulminati sulla strada di Damasco solo per raccogliere una manciata di voti, di parte, dimenticando la personale traccia amministrativa a favore del Parco Marino».

La posizione di Cittadinanzattiva è favorevole al Parco, ma chiede una parallela attenzione ai corsi d’acqua, per evitare sversamenti di sostanze inquinanti nelle acque protette.
Ed ecco il percorso burocratico per l’istituzione del Parco, come lo ha ricostruito Cittadinanzattiva:
Il 30.11.1996 con atto n°97 (Sindaco Perazzoli) il Comune di San Benedetto ha aderito alla costituzione del Parco Marino;

il 30.06.1998 il Consiglio Provinciale (Presidente della giunta Colonnella) di Ascoli eprimeva parere conforme alla conclusione di un accordo di programma tra le Amministrazioni interessate tra le quali San Benedetto;

l’accordo di programma veniva siglato dal Comune di San Benedetto il 06.07.1998 (Amministrazione Perazzoli) e approvato con decreto n° 34 dal Pres della Provincia il 27.07.1998

con atto n° 191 del 22.06.2001 la Giunta Provinciale ha deliberato di prorogare di ulteriori tre anni l’accordo di programma
con atto n°192 del 30.07.2001 la Giunta Comunale di San Benedetto ( Sindaco e Giunta Martinelli), in adesione alle disposizioni dell’Ente capofila, ha autorizzato la proroga del suddetto accordo per la costituzione del Parco Marino;

a seguito dalla nota n°5736/SIU del Pres dell’Amm.Provinciale (Presidente Rossi) del 27.12.2004 il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio ha dato avvio alla procedura istitutiva dell’Area Marina Protetta;

con nota Protocollo n°4068 del 30.01.2006 del servizio turismo parchi e agricoltura della Provincia di Ascoli Piceno veniva richiesta ulteriore proroga dell’accordo di programma, in relazione allo stato di avanzamento della procedura Ministeriale;

con atto n°37 del 16.02.2006 la Giunta Comunale (Sindaco e Giunta Gaspari) deliberava ed assentiva alla proroga dell’accordo di programma.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 641 volte, 1 oggi)