SANT’OMERO – L’Ospedale di Sant’Omero ha finalmente una nuova Tac che va sostituire il vecchio macchinario fuori uso dallo scorso mese di gennaio. Sono infatti iniziate lunedì 23 marzo le operazioni di montaggio del nuovo apparecchio, che permetterà la ripresa delle attività radiologiche nel giro di pochi giorni una volta effettuato il collaudo.

«Per il nuovo macchinario – ha dichiarato il consigliere regionale Emiliano Di Matteo – voglio ringraziare l’assessore Lanfranco Venturoni e il manager dell’Asl di Teramo, Mario Molinari, per aver dato seguito alle mie insistenti richieste restituendo al Presidio Sanitario di Sant’Omero quella necessaria funzionalità. Al tempo stesso mi sento di chiedere scusa ai cittadini vibratiani, a nome delle istituzioni, per il disagio patito in questi mesi».

Di Matteo sottolinea inoltre che naturalmente l’attivazione della nuova Tac non risolve tutti i problemi che attanagliano l’ospedale di Sant’Omero, per i quali continuerà ad impegnarsi per una pronta risoluzione: «Sono assolutamente convinto – ha concluso il consigliere – che il rilancio di questo presidio ospedaliero sia compatibile con la necessità di risanamento e riordino della rete ospedaliera regionale. Un energico rilancio dell’ospedale infatti contribuirebbe ad arginare verso le strutture marchigiane e private la mobilità passiva, che costituisce una delle maggiori voci di costo e di indebitamento della sanità abruzzese».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.785 volte, 1 oggi)