SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dopo gli incontri susseguitisi per tutta la giornata di martedì 24 marzo, è ora in fase di preparazione la bozza di convenzione costitutiva di un’associazione tra i nove Comuni di San Benedetto del Tronto, Acquaviva Picena, Cossignano, Cupra Marittima, Grottammare, Monsampolo, Montalto Marche, Monteprandone, Ripatransone. L’“associazione” tra Comuni è un’opportunità giuridica che permette di unificare la gestione di alcuni servizi: l’intenzione è migliorare la qualità contenendo i costi.

Il prossimo incontro tra i rispettivi segretari generali è già stato fissato per mercoledì 1 aprile, e in quella occasione verranno anche meglio definiti i servizi da mettere in comune sin da subito. Al momento si stanno valutando, tra gli altri, la gestione del personale compresa la formazione e i richiami disciplinari, la gestione degli espropri, degli acquisti on-line (per ricavare la massima forza contrattuale possibile, e quindi i prezzi più convenienti), e ancora la programmazione di interventi per i quali sono previsti finanziamenti comunitari, che si intende intercettare in misura sempre crescente.

Si prevede che entro maggio la convenzione dovrebbe essere approvata da tutti i Consigli comunali. D’altra parte, alcuni servizi sono “in rete” già da tempo, come alcuni interventi nel campo del sociale, tramite l’Ambito 21, o la gestione dei rifiuti, tramite la Picenambiente, o ancora la promozione turistica, come avviene mediante il consorzio turistico “Riviera delle palme”.

Al progetto di associazione dei Comuni si sono mostrati interessati tutti gli amministratori che in particolare si sono incontrati nel pomeriggio del 24 marzo, all’auditorium del Comune di San Benedetto.

Oltre al sindaco Gaspari erano presenti i colleghi di Acquaviva Infriccioli, di Cossignano De Angelis, di Grottammare Merli, di Monsampolo Schiavi, di Montalto Mastrosani, di Ripatransone D’Erasmo, più vari assessori e consiglieri comunali.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 364 volte, 1 oggi)