ASCOLI PICENO – Centotrenta opere, quasi tutte inedite. Tullio Pericoli inaugura presso la Galleria d’Arte Contemporanea di Ascoli Piceno, sabato 21 marzo la sua mostra “Sedendo e mirando: i paesaggi dal 1966 al 2009“. All’interno di uno splendido edificio conventuale rinascimentale tutta l’arte di Pericoli si manifesta soprattutto con oli di grande intensità e incisioni che danno spessore al dipinto.
Pericoli approfitta dell’inaugurazione per parlare del Governo, del Piano Casa e dei suoi possibili effetti sul paesaggio.«È una scelta che può anche essere buona dal punto di vista economico – dichiara l’artista ascolano – ma dipende da come e a chi si propone».
«Gli italiani – conclude Pericoli – molto spesso approfittano in maniera eccessiva di certe aperture, per cui è necessaria una maggiore severità nei controlli. Il paesaggio va difeso sempre, con amore».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.924 volte, 1 oggi)