MONSAMPOLO DEL TRONTO – Si è tenuta la conferenza per la presentazione ai cittadini dell’avvio sperimentale della raccolta dell’umido.
Un’iniziativa promossa dall’amministrazione comunale in collaborazione con PicenAmbiente.
Hanno esposto il piano per l’avvio della raccolta il Sindaco Remo Schiavi, il Vicesindaco e Assessore alla Cultura Mauro Grassetti e Leonardo Collina, Amministratore Generale della PicenAmbiente, che ha dettagliatamente illustrato modalità e vantaggi della raccolta differenziata.

Il Comune di Monsampolo del Tronto produce annualmente 2.200 tonnellate di rifiuti, con una percentuale di raccolta differenziata pari al 24% del totale, in linea con la media italiana che si ferma al 20%.

L’obiettivo che amministrazione comunale e PicenAmbiente si pongono è quello di raggiungere il 45% di raccolta differenziata attivando il servizio di raccolta dell’umido.

A tal fine sono stati consegnati i primi kit per la raccolta dell’umido ed è stato garantita ai cittadini la presenza di cassonetti dell’umido accanto ad ogni ‘tradizionale’ cassettone verde già presente. Questo per facilitare ed invogliare ogni famiglia all’avvio della raccolta differenziata.

Il servizio partirà in via sperimentale per una sola area del Comune, se i risultati saranno quelli attesi la raccolta sarà allargata a tutto il territorio comunale.

Benefici dunque per l’ambiente e non solo: la differenziata promette a lungo termine di alleggerire la tarsu che grava sui cittadini e deriva principalmente dai costi di gestione della discarica che già negli ultimi mesi (a partire dal 2009) sono aumentati da 60 a 80 euro per tonnellata.
Aumentando sensibilmente la percentuale di raccolta differenziata si prevede nel giro di 6 anni un risparmio che potrebbe arrivare anche al 50% dei costi totali di discarica.

Un motivo in più che spingerà i cittadini a differenziare.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 617 volte, 1 oggi)