SAN BENEDETTO DEL TRONTO – A causa di un errore veniale di cinque euro in un F24, un consulente informatico si vede sequestrare dal fisco la sua macchina privata, peraltro dopo estenuanti vicissitudini burocratiche al fine di regolarizzare la sua posizione.
Imprenditore piceno evade totalmente 57 milioni di euro. Se ne girava beatamente per l’Europa alla guida di una Ferrari. Non osiamo immaginare la sanzione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 882 volte, 1 oggi)