GROTTAMMARE: Domanico, Mauro, Nicolosi, Oddi, Cameli, Del Moro (76′ Curzi), Marcatili, Polenta, Maraschio, Pignotti (64′ Adamoli), Di Felice. A disposizione: Addazi, Bonaiuti, Ottaiano, Marini, Vrioni. All. Scarfone
CASOLI: Maraglino, D’Addazio, Romano, Amoruso, Pulcini, Cossu, Rodia (66′ Savi), Ganje, Chicco (69′ Covelli), Ferraioli (85′ G.Puglia), Di Chiara. A disposizione: Bonfigli, Di Giuseppe, Di Girolamo, Grieco. All. Paolucci
Arbitro: Cangiano di Napoli
Espulsi: 53′ Ganje (C) per doppia ammonizione.
Ammoniti: Ganje (C), Amoruso(C), Mauro (G), Oddi (G), Pulcini (C).
Angoli: 4-2
Recuperi: 1+4′
Spettatori: 270 circa,  di cui circa 60 provenienti da Casoli (Chieti).
 
GROTTAMMARE – Il Grottammare orfano degli squalificati Rulli e Maccagnan, conquista un punticino interno contro il Casoli, punto che smuove poco la classifica e che serve solo per riagganciare la Maceratese in coda e per riportarsi a -2 dal Real Montecchio sconfitto ad Agnone. Si tratta del secondo risultato utile consecutivo in casa (dopo la vittoria col Real Montecchio che aveva tenuto a galla le speranze salvezza) e del settimo punto conquistato al Pirani, quarto pareggio interno, il settimo complessivo.
Magra consolazione aver ottenuto 4 punti in 2 gare contro una delle squadre di alta classifica che occupa il quarto posto. Formazione iniziale biancoceleste, cambiata rispetto a quella di Sant’Egidio con il reinserimento di Domanico, Nicolosi, Oddi e Pignotti e lo spostamento di Marcatili sulla destra come ala e Polenta come interno di centrocampo (centrocampista centrale)  al posto di Rulli.   
Gara avara di emozioni quella di oggi al Pirani con un Grottammare sterile davanti e quasi mai pericoloso. Primo tempo alla camomilla molto tattico. La cronaca del match: unica palla gol della partita per i padroni di casa al 14′ quando Di Felice in area  dalla sinistra,  tentava la battuta a rete a botta sicura  ma veniva chiuso in angolo dall’ex grottammarese Pulcini che allontanava la sfera in prossimità della linea di porta. Al 18′ Domanico con l’aiuto di Nicolosi chiudeva su Rodia lanciato a rete. 
Al 36′ Ferraioli crossava dalla sinistra per lo stacco di testa di Chicco e grande risposta in tuffo di Domanico ma il direttore di gara aveva fermato il gioco per off side. Al 51′ Di Felice metteva in mezzo dalla sinistra ma usciva  Maraglino che allontanava smanacciando la minaccia. Al 53′ episodio di cui il Grottammare non ha saputo approfittare nei restanti minuti, ossia l’espulsione per doppia ammonizione in seguito ad un fallo di mani a centrocampo di Ganje. Ospiti che continuavano a fare la partita ma calciavano sempre sul fondo o lontani dallo specchio come al 59′ sugli sviluppi di un corner, quando Pulcini incornava di testa con palla alta sopra la traversa. Al 65′ il nuovo entrato Adamoli metteva al centro dalla destra per Di Felice che veniva chiuso in corner. 
Al 72′ punizione dai 25 metri alta sopra la traversa di Del Moro. All’85’ nelle file abruzzesi trovava spazio anche l’altro ex della partita Gabriele Puglia che fino a dicembre giocava col Grottammare. Ora gli uomini di Scarfone sono attesi domenica prossima in casa del Centobuchi (sconfitto oggi a Fano 2-0) da un derby fratricida. I precedenti statistici dello scontro diretto da quando entrambe le squadre sono in serie D sono quasi  tutti a favore dei monteprandonesi con 3 successi (compreso quello dell’andata al Pirani per 0-2) e 2 pareggi in 5 gare finora disputate.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 564 volte, 1 oggi)