ANCONA – Bonus per i precari. Per andare incontro a chi non ha un lavoro stabile, Caf Coldiretti e Regione Marche hanno sottoscritto, giovedì 12 marzo, una convenzione. Lo scopo è promuovere il Fondo di solidarietà sociale che destinerà due milioni di euro ai lavoratori marchigiani licenziati. Il documento è stato firmato anche dal direttore di Coldiretti Marche, Alberto Bertinelli.

Il bonus consiste in 200 euro mensili che verranno erogati per dodici mesi. «In quanto forza sociale – spiega il presidente di Coldiretti Marche, Giannalberto Luzi – abbiamo ritenuto doveroso sostenere l’iniziativa assunta della Regione Marche in aiuto alle famiglie messe in difficoltà dalla crisi economica».

Secondo la convenzione, le strutture del Caf Coldiretti sul territorio regionale garantiranno assistenza ai lavoratori che intendono presentare la richiesta di accesso al contributo, oltre a fungere da sportelli informativi per divulgare le opportunità previste dal Fondo di solidarietà sociale.

Le domande vanno presentate entro il 30 aprile prossimo. L’intervento interessa le famiglie con lavoratori dipendenti, residenti nelle Marche, disoccupati a causa di licenziamento, dimissioni per giusta causa, mancato rinnovo di un contratto di lavoro a termine, ovvero i precari.

In quest’ultimo caso rientra chi ha perso il lavoro dopo il 30 agosto 2008 e che ha maturato a partire dal 1° gennaio 2008 un periodo lavorativo di almeno 6 mesi, ovvero 180 giorni, con uno o più contratti anche non continuativi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.120 volte, 1 oggi)