ASCOLI PICENO – Oscillazioni nell’Udc ascolana. A pochi mesi dalle elezioni comunali, l’onorevole Amedeo Ciccanti “bacchetta” Lattanzi, che si è schierato con il centrodestra di Castelli, abbandonando i compagni centristi: «Noi siamo rimasti al centro, dove siamo sempre stati senza convenienze. La sudditanza al sindaco e al potere sono stati sempre più forti della coscienza. Conoscemmo meglio Lattanzi quando lo stesso Sindaco rinunciò ad assegnare il palio della Quintana qualche anno fa. Riguardo a Castelli, nuovo vate delle ‘anime belle’ , sappia che l’Udc sarà in campagna elettorale e anche la mia faccia. Ascoli la conosce bene perchè essa c’era quando i suoi attuali ‘sponsor’ svendevano l’unità della provincia. Non mi sono mai nascosto dietro ai padrini romani per fare carriera politica. Castelli sappia, come la storia insegna, che i veri cattolici sanno soffrire e resistere di fronte a qualunque forma di potere dominante e non sarà lui ma gli elettori a stabilire se al prossimo ballottaggio ci saranno solo lui e Canzian. Dagli investimenti che sta usando per la sua propaganda sembra proprio che qualche problema lo abbia».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 548 volte, 1 oggi)